Feltri attacca Barbara Palombelli: «Mi ha fatto una mascalzonata, mi ha tagliato di brutto»

lunedì 22 Marzo 13:38 - di Eugenio Battisti

Vittorio Feltri censurato da Barbara Palombelli. Lo denuncia tra il serio e il faceto lo stesso direttore di Libero. Il cui intervento a Stasera Italia su Rete 4 di qualche tempo fa è stato censurato. Scomparso dalla messa in onda. Per colpa di una risposta spiazzante di cui Feltri certo non si pente. E oggi torna sull’argomento.

Feltri cita Hitler dalla Palombelli. E scoppia il caso

La giornalista non ha gradito la risposta di Feltri. Che ha citato Hitler, a mo’ di battuta, come capo del governo desiderato. “Si parlava delle solite cose politiche, assai noiose”, scrive il direttor (riferendosi alla trasmissione del 5 febbraio). “E a un certo punto, per gioco, Palombelli chiede ai presenti in studio, e anche a me collegato da casa, chi avremmo voluto come presidente del Consiglio. Pensando che scherzasse, anche perché il premier lo sceglie il capo dello Stato e non noi, rispondo ridendo ‘Hitler’. Era una battuta, non l’espressione di un desiderio, dato che il Führer è leggermente morto”. La provocazione non è piaciuta alla padrona di casa. Molto attenta al linguaggio degli ospiti. “Se è una battuta non mi piace per niente. No, no”, ha replicato la giornalista. Passando la parola a un altro ospite.

Ne è scoppiato un caso sui social. Che hanno messo alla gogna il giornalista di lungo corso, non certo nuovo a battute spiazzanti e ‘irriverenti’. Feltri non si sottrae alle polemiche. E rincara la dose in un tweet. “A questa domanda a cretina, visto che Draghi è all’opera, ho risposto per scherzo: Hitler”. Un polemica senza senso. “Se avessi detto ‘Stalin’ invece di Hitler. Nessuno avrebbe obiettato”.

“Mi aspetto una risata. Invece…”

“Mi aspettavo una risata”, scrive oggi Feltri su Libero. “Invece Barbara, col tono piccato della maestrina, mi ha sgridato. Affermando che certe parole non si dicono. Io non ho avuto modo di replicare, e pazienza. Sennonché mercoledì scorso Palombelli mi fa intervistare da una deliziosa collega sul politicamente corretto. Con calore ho accolto l’interrogatorio. Spiegando le ragioni per cui considero la guerra al vocabolario italiano una idiozia. La sera va in onda il servizio e constato che è stato tagliato di brutto. In pratica il mio breve intervento è diventato brevissimo. Pressoché incomprensibile“. Una ‘mascalzonata’ la definisce Feltri. Della quale tuttavia ‘se ne frega’. “C’è di più. Al termine della clip Barbara ha salutato e ringraziato tutti coloro che avevano espresso la loro opinione, tranne me. Neanche un vaffanculo“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica