Draghi finalmente parla e asfalta Conte: «A un anno dal Covid siamo al punto di partenza»

lunedì 8 Marzo 17:30 - di Antonio Marras

Un anno dopo, non c’è più Conte ma Draghi. E poco è cambiato, per ammissione dello stesso premier. “Il 10 marzo di un anno fa l’Italia si chiudeva diventando, per la prima volta, una grande zona rossa. Un nostro concittadino su venti è stato contagiato, secondo i dati ufficiali che, come è noto, sottostimano la diffusione del virus. Mai avremmo pensato che un anno dopo ci saremmo trovati a fronteggiare un’emergenza analoga e che il conto ufficiale delle vittime si sarebbe avvicinato alla terribile soglia dei centomila morti. Dobbiamo al rispetto della memoria dei tanti cittadini che hanno perso la vita il dovere del nostro impegno”. Il premier Mario Draghi torna a parlare, dopo i discorsi di insediamento del governo al Parlamento e l’ottenimento del voto di fiducia. Nel giorno della Festa della donna, Draghi interviene con un videomessaggio alla Conferenza ‘Verso una Strategia Nazionale sulla parità di genere’, organizzata dal ministro per le Pari Opportunità Elena Bonetti e lo fa con toni allarmanti, cercando al contempo di essere rassicurante, sia sul fronte dei vaccini anti Covid che del piano di sostegno economico, che del Recovery Fund.

Draghi non cita Conte ma l’emergenza Covid che non passa

Il premier del governo tecnico-politico non cita mai il suo predecessore e non entra nel merito di tutti gli errori commessi dal precedente governo, ma sullo sfondo se ne coglie lo spirito critico, soprattutto sul fronte della gestione delle vaccinazioni e dei ricoveri. Un anno è passato invano, a quanto pare, e il triste record dei morti italiani, giunti quasi a centomila, suona come una pesante eredità del passato prossimo.

“Ci troviamo tutti di fronte, in questi giorni, a un nuovo peggioramento dell’emergenza sanitaria. Ognuno deve fare la propria parte nel contenere la diffusione del virus. Ma soprattutto il governo deve fare la sua. Anzi deve cercare ogni giorno di fare di più. La pandemia non è ancora sconfitta ma si intravede, con l’accelerazione del piano dei vaccini, una via d’uscita non lontana”.

La promessa di una svolta nei vaccini

“Nel piano di vaccinazioni, che nei prossimi giorni sarà decisamente potenziato, si privilegeranno le persone più fragili e le categorie a rischio. Aspettare il proprio turno è un modo anche per tutelare la salute dei nostri concittadini più deboli”. Lo afferma il premier Mario Draghi, intervenendo alla Conferenza ‘Verso una Strategia Nazionale sulla parità di genere’.

Il monito del premier Draghi agli italiani

Questo non è il momento di dividerci o di riaffermare le nostre identità. Ma è il momento di dare una risposta alle tante persone che soffrono per la crisi economica, che rischiano di perdere il posto di lavoro, di combattere le disuguaglianze. In un solo anno il numero di italiani che vivono in una situazione di povertà assoluta è aumentato di oltre un milione, mentre si sono acuite altre disparità, prima fra tutte quella tra donne e uomini”.

Il richiamo al valore eccezionale delle donne

“Non voglio qui ripetere le bellissime parole di oggi del Presidente della Repubblica sulla condizione femminile. Voi sapete bene quanto sia dolorosa”, aggiunge Draghi. “Sul femminicidio e su ogni forma di violenza di genere, sono da condividere le proposte della Commissione parlamentare d’inchiesta. Oggi, per le vittime dei troppi femminicidi e anche come reazione prodotta dalla pandemia, sembra formarsi una nuova consapevolezza che trova un’opportunità straordinaria nel programma NextGeneration EU per diventare realtà nell’azione di governo, del mio governo. Tra i vari criteri che verranno usati per valutare i progetti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ci sarà anche il loro contributo alla parità di genere. È con questo spirito di fiducia nel nostro, nel vostro, futuro e con l’impegno di questo governo a conquistarsela, che vi auguro buon 8 marzo”, conclude il presidente del Consiglio.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *