Cammina per 2 km col deambulatore per fare il vaccino. Meloni: «Inaccettabile, lo Stato dov’è?»

lunedì 29 Marzo 12:23 - di Redazione

Campagna vaccinale fallimentare per i più anziani. Ritardi e disorganizzazione totale nella somministrazione a domicilio. Lo dimostra il caso dell’ottantenne di Ferrara. Costretto da solo a camminare per due chilometri a piedi, con l’unico ausilio del suo deambulatore, per raggiungere la postazione. Tanto è la distanza che ha dovuto percorrere dall’abitazione fino ai padiglioni della Fiera allestita per le vaccinazione.

A 85 anni cammina per 2 km per vaccinarsi

Non potendo essere accompagnato da nessuno, l’85enne  ha fatto i conti ed è partito con grande anticipo. Pur di non mancare all’appuntamento. Deciso all’impresa faticosa (e pericolosa per la sua salute), passo dopo passo aggrappato al deambulatore, è riuscito ad arrivare in tempo per il vaccino. Stremato e senza forze. Per il ritorno è stato soccorso dai poliziotti in servizio al gazebo. Stanco per la fatica è stato rifocillato e assistito. L’anziano ha riferito di essere arrivato a piedi perché viveva solo e non aveva nessuno che potesse dargli un passaggio. I poliziotti si sono così presi cura di lui. Dopi il vaccino lo hanno  caricato su una volante e accompagnato sano e salvo a casa.

Meloni: Bisogna proteggere i deboli con l’assistenza a domicilio

Un caso emblematico e scandaloso. Denunciato da Giorgia Meloni su Facebook. “Il fallimento del piano vaccini passa anche da questa storia. Vi sembra normale che un anziano, da solo, debba camminare per 2 chilometri col deambulatore per andare a vaccinarsi?”, si domanda incredula la leader di Fratelli d’Italia. “Non smetteremo mai di ripeterlo: bisogna proteggere le fasce più deboli. E per farlo é necessaria un’assistenza a domicilio. La vicenda di questo ottantenne rappresenta una sconfitta per lo Stato italiano”. Le vaccinazioni a domicilio infatti procedono a tempi di lumaca. In alcune Regioni sono rinviate a dopo Pasqua. Alla carenza di personale ( i medici di famiglia non bastano) si uniscono i problemi telematici nello smaltimento delle richieste. Così, chi non è completamente allettato, deve arrangiarsi. Come l’anziano di Ferrara.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *