Bertolaso s’infuria con una giornalista a SkyTg24: «Criticarmi è uno sport…». E lascia il collegamento

mercoledì 24 Marzo 14:02 - di Mia Fenice
Bertolaso

Guido Bertolaso ha lasciato bruscamente il collegamento su SkyTg24. Una domanda sulla campagna di vaccinazione in Lombardia fa infuriare il consulente della Regione Lombardia per la campagna vaccinale. Incalzato dalle domande di Tonia Cartolano ha abbandonato il collegamento in diretta. «Criticare Bertolaso, mi pare sia un sport normale…», ha detto l’ex numero uno della Protezione civile, abbandonando il collegamento. La giornalista aveva fatto una domanda sulle vaccinazioni per i vulnerabili, facendo notare che in Lombardia non sono ancora iniziate.

Bertolaso: «In Lombardia si vaccinano 32mila persone al giorno»

Ad inizio di collegamento Bertolaso ha spiegato la situazione della Lombardia. «Il caos è estremamente limitato e contenuto in alcune zone della Regione. In Lombardia si vaccinano circa 32mila-33mila persone al giorno, soprattutto gli over 80, i più fragili e gli insegnanti, secondo le linee che il governo ha indicato a tutte le Regioni. Noi le rispettiamo in modo assolutamente corretto, quindi con i numeri che stiamo facendo siamo arrivati a vaccinare oltre il 50% degli over 80 e per il 12 aprile spero di aver vaccinato tutti gli over 80 almeno con la prima dose».

Bertolaso: «Siamo in linea con le previsioni del governo»

E poi ancora: «È un programma importante abbiamo già realizzato tutti i centri vaccinali massimi, oggi ne vado ad aprire uno a Codogno. Siamo in linea con quelle che sono le previsioni del governo. Se dovessimo ricevere più vaccini potremmo vaccinare molto di più. Per Pfizer le scorte sono praticamente esaurite». Ma «grazie all’arrivo ieri di questo ulteriore contingente di vaccini potremo andare avanti nei prossimi giorni». Tuttavia, ha aggiunto Bertolaso, «sappiamo che prima di Pasqua probabilmente le finiremo di nuovo». E ha continuato: «Questa fornitura di vaccini periodica e ben programmata ci permette di tracciare la strada che stiamo seguendo».

«L’11 aprile arriveremo a 90mila vaccinazioni al giorno»

«Stiamo vaccinando 33mila persone al giorno, stiamo aspettando le previsioni delle forniture dei vaccini» ma «a fine marzo saremo arrivati ben oltre le 50mila vaccinazioni al giorno, l’11 aprile arriveremo a 90mila vaccinazioni al giorno e alla fine del mese di aprile potremo vaccinare 130mila persone al giorno».

Poi, ha spiegato: «Oggi siamo già sopra il 16% con le doppie dosi. In Lombardia tutti gli anziani vaccinati nelle Rsa non sono inseriti nell’elenco degli over 80 che abbiamo vaccinato e quindi di fatto la Lombardia non ha indicato gli oltre 100mila anziani over 80 già vaccinati nelle Rsa. È sempre un problema informatico, è un’attività che esula da quelle di chi si occupa di vaccinare i lombardi». «Le persone fragili – ha assicurato Bertolaso – le stiamo facendo vaccinare dalle strutture ospedaliere. Queste persone, le più vulnerabili tra le vulnerabili, sono già assistite dalle strutture ospedaliere dalla settimana scorsa».

Botta e risposta con la giornalista

A un certo punto la giornalista ha chiesto: «Lei mi sta dicendo che entro la fine di marzo partono le vaccinazioni per i vulnerabili in Lombardia?». Spazientito Bertolaso ha risposto: «Sono già iniziate quelle vaccinazioni nella Regione, come lo devo spiegare…». Ma la giornalista ha controbattuto: «Dottore, io non ne ho trovata una. Ma verificheremo». A quel punto, l’ex capo della Protezione civile ha perso la pazienza: «Criticare Bertolaso, mi pare sia un sport normale, fate quello che volete. Va bene. Arriverderci, buon lavoro…». Ed è andato via. GUARDA VIDEO SkTg24

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica