Avevano massacrato un giovane a Macerata: presi due albanesi grazie a queste immagini (video)

sabato 13 Marzo 20:03 - di Penelope Corrado
macerata foto

A tre anni dall’atroce omicidio di Pamela Mastropietro, la città di Macerata torna al centro delle cronache per un gravissimo fatto di cronaca.  La Polizia di Stato ha infatti arrestato oggi per tentato omicidio due albanesi. I due avrebbero ridotto in fin di vita un giovane padre di Macerata.

Nel tardo pomeriggio di sabato 16 gennaio scorso, il 36enne mentre si trovava a Macerata in corso Cavour in compagnia di un amico era stato picchiato selvaggiamente con calci e pugni da due uomini che lo avevano aggredito per futili motivi. Una violenta aggressione alle spalle, vigliacca e brutale. Lo hanno colpito con calci e pugni. Le immagini del video non rendono idea della violenza del massacro. La vittima, Daniele Vecellio, era arrivato in fin di vita all’Ospedale Torrette di Ancona.  Aveva riportato, infatti, lesioni gravissime. Come ha riportato il Resto del Carlino, “i medici  avevano detto alla famiglia che probabilmente Daniele non sarebbe arrivato al lunedì successivo”. 

Daniele Vecellio era arrivato in fin di vita all’ospedale

A distanza di poche settimane dal fatto, sono stati individuati ed arrestati per tentato omicidio due uomini albanesi rispettivamente di 22 e 34 anni entrambi residenti a Macerata, ritenuti i responsabili della gravissima aggressione.

Le indagini hanno consentito alla Squadra Mobile di costruire una tesi investigativa suffragata da numerosissimi riscontri. Sulla base di questie prove, la Procura della Repubblica ha chiesto ed ottenuto dal Gip le misure di custodia cautelare in carcere nei confronti dei due albanesi. La Squadra mobile ha arrestato i due all’interno delle rispettive abitazioni. Accompagnati presso la Questura di Macerata per il compimento dell’attività di rito. Al momento sono nel carcere di Ancona Montacuto.

Il Questore di Macerata comunica l’arresto

Soddisfazione per l’esito dell’operazione da parte del Questore Vincenzo Trombadore: “Con l’arresto dei due responsabili del fatto criminoso commesso in danno di un giovane, padre di una bambina di pochi anni rimasto gravemente ferito, si chiude l’indagine della Polizia di Stato che, con il coordinamento dell’Autorità Giudiziaria competente, ha espresso una risposta pronta e concreta a favore delle esigenze di sicurezza dei cittadini della provincia di Macerata”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica