Renzi rovescia il tavolo. Crimi non cede sui nomi di Arcuri e Azzolina. Per ora salta il Conte ter

martedì 2 Febbraio 20:08 - di Adriana De Conto
Renzi rompe

“Prendiamo atto del niet ex-colleghi maggioranza”. La rottura del tavolo delle trattative per il leader di Italia Viva Matteo Renzi arriva con messaggi inequivocabili  sulla chat con i parlamentari del suo partito. “Crimi ha detto che non intendono cedere su nessuno a cominciare da Bonafede e Azzolina. Domenico Arcuri e Mimmo Parisi non si toccano- prosegue il suo “telegramma” inviato ai parlamentari del suo partito. Le distanze sono abissali. “Possono sostituire la Catalfo solo se non ci va la Bellanova. E per vicepremier al momento è  in ballo Fraccaro con Orlando”. Così Matteo Renzi sintetizza i punti della rottura, dando conto dei veti incrociati che sono emersi al tavolo delle trattative con i membri della ormai ex maggioranza.

Renzi: Scontro altissimo sui contenuti

Renzi torna sul “giallo” del verbale. “La barzelletta che non si chiude sul verbale è, appunto, una barzelletta. Qui lo scontro è altissimo sui contenuti: dal Mes alle infrastrutture, dalla giustizia alla Torino -Lione. E ovviamente sui nomi”. Così Matteo Renzi in chat con i parlamentari di Italia Viva ufficializza la rottura del tavolo delle trattative. “Ringraziamo Fico e ci affidiamo alla saggezza di Mattarella”, ha concluso. Il Conte-Ter è di fatto saltato oggi. Intanto il presidente della Camera Roberto Fico ha lasciato, a passo svelto, la sala della lupa. Per dirigersi al Colle.

Via Azzolina, Bonafede, Arcuri: il M5S non cede

Secondo quanto si apprende, il nodo fondamentale che non è stato risolto è stato relativo all’avvicendamento di Lucia Azzolina ed Alfonso BonafedeMatteo Renzi e Italia Viva avrebbero posto come condizione la loro testa per dar vita a una nuova maggioranza.  Ma non c’è stato niente da fare, il M5s non ha ceduto sui due ministri più contestati e rivelatisi inadeguati. Non solo. Fonti IV riferiscono che a Bonafede e Azzolina si aggiunge Domenico Arcuri, il super-commissario che Renzi vuole togliere di mezzo.

Crimi piagnucola, dicendo che Renzi “ha fatto ostruzione sui nomi. Iv voleva poltrone e sindacava sui nomi altrui”. Rivendica gli “sforzi e i passi avanti dei cinquestelle”. Ma di questi, francamente non c’è traccia. Sarebbe una benedizione se il Conte ter finisse qui la sua storia ingloriosa. Senza neanche iniziare.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *