Rampelli a Draghi: l’ambiente è un tema serio. l’Ilva deve diventare una cittadella dell’acciaio pulito

sabato 20 Febbraio 14:46 - di Redazione

“Il tema ambientale cui Bruxelles ci chiede di dare massima attenzione, deve essere sviluppato dal governo Draghi. Ma seguendo le priorità e le esigenze del nostro territorio. E  della nostra economia”.  Così Fabio Rampelli ospite della trasmissione Omnibus su la 7. Insomma – chiarisce – l’Unione europea dia i titoli, ma faccia fare lo svolgimento agli Stati nazionali.

Rampelli: Draghi deve sviluppare il tema ambientale

“L’Italia deve contrastare il dissesto idrogeologico. Mettere in sicurezza le zone ad alto rischio sismico. Varare un grande piano di adeguamento sismico di uno sterminato patrimonio edilizio. Che preveda anche la sostituzione edilizia e l’efficientamento energetico”,  dice il vicepresidente della Camera, architetto e da sempre anima ambientalista della destra.

“Trasformare l’Ilva in una cittadella dell’acciaio pulito”

“Deve realizzare le infrastrutture portando l’Alta velocità fino in Sicilia. Proteggere coste e arenili dall’innalzamento delle acque derivato dai mutamenti climatici. Con investimenti e tecnologie appropriate. Ripensare il nostro sistema industriale secondo i principi dell’economia circolare. Il cui significato è anche quello che indica in chi produce il responsabile dei materiali che immette in circolazione”. Un compito complesso  che non si esaurisce con un ministero ad hoc per fare contenti i 5Stelle.

Così come è necessario trasformare – conclude Rampelli – con i soldi dell’Europa l’Ilva in uno stabilimento siderurgico ecologicamente esemplare. Una vera e propria cittadella dell’acciaio pulito”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica