Covid, le regioni nella morsa delle varianti: oggi oltre 13.000 contagi e 356 morti. Sos dal Molise

martedì 23 Febbraio 18:35 - di Lara Rastellino
Covid regioni e varianti

Covid, le regioni in pieno incubo varianti. E i dati aggiornati agli ultimi allarmi, ridisegnano la mappa dei rischi e dei contagi. Il bollettino odierno registra altri 13.314 casi di contagio da coronavirus in Italia oggi. Secondo i dati del report della Protezione Civile, pubblicato dal ministero della Salute, da ieri sono stati registrati inoltre altri 356 morti, che portano il totale a 96.348 dall’inizio dell’emergenza legata all’epidemia di Covid-19. Inoltre, sempre dal punto fatto dagli esperti, si apprende che nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 303.850 tamponi. E che l’indice di positività è al 4,38%. Infine, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.146 (+28).

Covid, le regioni e l’incubo varianti: oggi oltre 13.000 contagi e altri 356 morti

Dunque, la recrudescenza del virus nelle sue mutazioni pericolose, sta facendo impennare l’epidemia con le sue varianti. Brescia è monitorata speciale. L’Umbria attenzionata da settimane. Il Molise denuncia allarme e preoccupazione. E il Lazio è alle prese con un‘indagine epidemiologica che evidenzia la presenza divarianti Covid che «si affacciano nella Regione», con la quarta zona rossa istituita oggi nella regione, a Torrice (Frosinone). Non solo. Secondo quanto riferisce l’assessore D’Amato, è stata «confermata la chiusura di una scuola a Roma con variante brasiliana con link dall’Umbria». Mentre dal Molise sono arrivati, trasportati in elisoccorso nel Lazio, 3 pazienti Covid. Tra questi, anche un carabiniere. Ma in tutto questo, la campagna vaccinale stenta ancora a partire.

Covid, il Molise denuncia un incremento di casi e decessi: la popolazione ha paura

Proprio a proposito del Molise, allora, da Fernando Crudele, medico del 118 e presidente dell’Ordine dei medici e degli odontoiatri (Omceo) della provincia di Isernia, arriva tramite l’Adnkronos Salute, l’ultima denuncia. «La popolazione è molto preoccupata soprattutto dalla possibile saturazione dei posti letto», ha dichiarato Crudele, facendo il punto della situazione dopo l’incremento di casi e decessi registrato in regione. «Non parliamo solo di pazienti Covid, ma anche di altre patologie – ha poi proseguito Crudele –. È accaduto quello che dopo una pessima programmazione a livello nazionale era inevitabile: ovvero che il territorio è nudo. Ora è chiaro che nell’emergenza manchino i medici. Se aumenti i posti letto per le Malattie infettive, poi devi anche metterci gli specialisti. Ma i bandi vanno deserti».

«Nessuno vuole andare più in pronto soccorso»…

Non solo. «Nessuno vuole andare più in pronto soccorso – denuncia Crudele –. C’è una evidente paura che in ospedale ci si possa contagiare». Questa mattina presto – aggiunge poi – siamo intervenuti a casa di una signora positiva che stava desaturando perché l’ossigeno non era messo nella posizione corretta». Allora, a chi gli chiede se un’eventuale zona rossa potrebbe aiutare, il medico risponde: «Sì. Ma occorre tenere presente anche l’aspetto economico. Ad Isernia tantissime attività commerciali dopo il primo lockdown non hanno mai più riaperto»...

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *