Selvaggia Lucarelli a La7: “Di Mes so ciò che ho sentito dire”. Però ne parla per attaccare Fontana

venerdì 22 Gennaio 12:27 - di Giulia Melodia
Mes, Selvaggia Lucarelli attacca Fontana

A Piazza Pulita di parla di Mes. E Selvaggia Lucarelli ne approfitta per attaccare Fontana in diretta su La7. Ma, non prima di aver esordito – e questo è parte dell’incredibile performance tv – con un poco rassicurante: «So solo ciò che ho sentito dire… Non ho l’autorevolezza per parlarne». Salvo poi discettarci su per polemizzare su Fontana e sentenziare sulla gestione della sanità in Lombardia. Alla faccia dell’opinionismo. Il commento di Selvaggia Lucarelli di ieri sera a Piazza Pulita non differisce dal solito intervento al vetriolo a cui ha abituato spettatori e follower, se non per il fatto di buttare fango sulla Lombardia e sull’amministrazione leghista. E neppure con argomenti che entrano nel merito della questione. O nel dettaglio della situazione. Ma semplicemente allineandosi con l’intervento di Gino Strada che l’ha preceduto qualche istante primo in collegamento…

Mes, l’intervento di Selvaggia Lucarelli a Piazza Pulita

Per la prima volta nella sua micro-storia di ospite fissa da Corrado Formigli, Selvaggia Lucarelli appare incerta e confusa. Quasi esitante nel parlare. Forse si aspettava dal conduttore una domanda a piacere. Di sicuro, almeno sul Mes, è risultata non aver fatto bene i compiti a casa. Ma l’indomita Lucarelli non si lascia scoraggiare. L’esperienza maturata sul campo di Ballando con le stelle le ha insegnato capriole improvvise e piroette dialettiche. E allora, ci va giù con citazioni e scopiazzature. E dopo aver premesso un laconico «Vorrei fosse chiaro che la maggior parte degli italiani non ha la formazione per esprimere un parere articolato sul Mes», prima si unisce alla pletora di non scienti ammettendo:  «Io non ho l’autorevolezza per parlare di Mes», esordisce chiarendo che quello che sa lo ha appreso per sentire dire da economisti e politici di riferimento. Poi, dopo aver messo le mani avanti con quella premessa che suona tanto come un: “Ma professore io credevo che oggi spiegasse, non che interrogasse”… Prova a rifugiarsi in calcio d’angolo, menzionando Renzi e frasi fatte.

E parte l’attacco alla Lombardia di Fontana…

E prosegue: «Posso ritenerla sicuramente, come dice Matteo Renzi, una stampella. Posso ritenere che non sia necessaria. Il problema della sanità non si può coprire con una copertura biennale. Noi abbiamo un problema di riprogrammazione totale della nostra sanità. Di ricostruire la medicina territoriale. Di assunzioni. Tutta una serie di cose che non si possono risolvere nel breve periodo», sottolinea. Chissà perché poi… E così, non senza faticare, porta la conversazione dalla sua. Assesta il mirino puntando sui soliti attacchi strumentali. e Finalmente, più ferrata in materia, Selvaggia Lucarelli spara la sua:  «Ciò che è successo in Lombardia è evidente e chiaro. La sanità privata non è stata un’integrazione, un supporto. Ha sostituito la sanità pubblica, questo è l’aspetto più grava della vicenda». Ci siamo: spiega di non avere l’autorevolezza per parlare di Mes ma ne parla perfettamente in linea con il suo intento. E con il suo stile alla Travaglio: arrivare ad attaccare la Lombardia del leghista Attilio Fontana. Ascoltare per credere (il video in basso postato dalla pagina Facebook di Piazza Pulita su La7).

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )