“Psico-pandemia” da lockdown: ecco cos’è e chi colpisce questa nuova patologia

giovedì 28 Gennaio 17:13 - di Angelica Orlandi
Covid "psico-pandemia"

Si chiama “psico-pandemia”. Maggiori difficoltà cognitive, difficoltà di concentrazione e non solo. Diverse ricerche hanno evidenziato come il lockdown e le misure di contenimento del contagio da COVID-19 abbiano esposto la popolazione ad uno stress collettivo senza precedenti. Forte è tutt’ora l’impatto sul benessere psichico a livello globale, delle  ‘psico-pandemia’. Tuttavia, nessuno fino a oggi aveva ancora indagato gli effetti del lockdown sul funzionamento cognitivo, in particolare sulle proprie abilità mentali:  come memoria, attenzione, concentrazione. Lo fa ora lo studio ‘Cognitive and mental health changes and their vulnerability factors related to Covid-19 lockdown in Italy’ . Appena pubblicato sulla prestigiosa rivista ‘Plosone’. L’Adnkronos lo ha rilanciato.

Covid disastroso sulla salute mentale

I ricercatori dell’Università di Padova in collaborazione con l’Irccs Santa Lucia di Roma hanno verificato che il lockdown e le relative misure restrittive hanno avuto un impatto sul funzionamento cognitivo e sulla salute mentale della popolazione: “Durante la fase finale del primo lockdown in Italia (dal 29 aprile al 17 maggio 2020) hanno partecipato all’indagine online 1215 individui; ed è emerso come il lockdown abbia avuto un significativo impatto sul funzionamento cognitivo, oltre che sul benessere psicologico. Lo spiega la professoressa Giorgia Cona, coordinatrice della ricerca, del Dipartimento di Psicologia Generale dell’Università di Padova e del PaduaNeuroscience Center .

Depressione e crisi di panico

“Durante il periodo di restrizioni ed isolamento le persone lamentavano maggiori difficoltà cognitive in attività della vita quotidiana che richiedevano attenzione/concentrazione, orientamento temporale e funzioni esecutive: come multi-tasking, pianificazione e gestione delle attività in casa. Abbiamo invece osservato – prosegue Cona – un miglioramento della memoria. Probabilmente a seguito della riduzione degli impegni ed una quotidianità meno frenetica. Si è riscontrato inoltre un incremento nella severità e prevalenza di depressione, disturbi d’ansia e del sonno .Ma anche alterazioni nell’appetito, libido e ansia per la salute: il 36% ha riportato sintomi ansiosi e il 32% sintomi depressivi durante il lockdown”.

Vi sono dei fattori di rischio che ci permettono di individuare i gruppi più vulnerabili? “Le donne, i giovani (età inferiore ai 45 anni), gli individui disoccupati o chi lavorava da casa:  sono i gruppi di popolazione che più hanno risentito di questo peggioramento nelle abilità cognitive e nella salute mentale”. Lo afferma Eleonora Fiorenzato, del Dipartimento di Psicologia Generale dell’Università di Padova e primo autore dello studio . Inoltre, l’eccessiva esposizione ai mass-media per la ricerca di news relative al Covid-19 (‘infodemia’); o essere residenti in zone con altro tasso di contagio sono i fattori di rischio per disturbi depressivi e di tipo ansioso, anche con aspetti ipocondriaci. E interessante notare come le difficoltà cognitive correlassero con i disturbi psicologici: maggiore era il disagio psicologico, peggiori erano le abilità cognitive percepite”.

Se le “chiusure” e le misure restrittive per contrastare l’epidemia dovessero essere ulteriormente inasprite, le politiche socio-sanitarie dovrebbero considerare con particolare riguardo questi gruppi più vulnerabili.  Per sviluppare delle risposte efficaci e stabili alle problematiche . Questi dati serviranno inoltre ad implementare interventi mirati di supporto psicologico e a definire specifiche linee guida per il problema emergente legato all’infodemia da Covid-19.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica