Primavalle, un murales per Stefano e Virgilio Mattei. La sorella Antonella: “Sarà colorato e gioioso”

giovedì 14 Gennaio 10:49 - di Annamaria Gravino
murales mattei

Un murales per ricordare Stefano e Virgilio Mattei, nel luogo del loro martirio. Il Consiglio regionale del Lazio ha approvato la proposta avanzata dal consigliere della Lega, Daniele Giannini, e dai consiglieri di FdI Fabrizio Ghera, Chiara Colosimo e Giancarlo Righini. Si tratta di un gesto simbolico di grande importanza per rafforzare la memoria di uno dei più efferati delitti politici degli anni ’70. Stefano e Virgilio morirono bruciati vivi nel rogo della loro casa a Primavalle, appiccato nella notte del 16 aprile 1973 dai militanti di Potere operaio, Achille Lollo, Marino Clavo e Manlio Grillo. Avevano 10 e 22 anni, la loro colpa era essere figli del segretario della locale sezione del Msi, Mario Mattei.

Il murales per Stefano e Virgilio Mattei

In particolare, l’assemblea del consiglio regionale del Lazio ha approvato un ordine del giorno che “impegna il presidente Nicola Zingaretti ad attivare le procedure per realizzare un’opera muraria dedicata alla memoria dei fratelli Stefano e Virgilio Mattei nello stesso stabile romano di via Bernardo da Bibbiena, 10″. Il murales dovrebbe sorgere di fronte alla “finestra in cui persero la vita i due ragazzi, colpevoli unicamente di essere figli del segretario del Msi”.

L’opera sarà realizzata grazie a un bando pubblico

“La mia proposta accolta dall’Aula prende spunto da un avviso pubblico denominato Lazio Street Art che consente la riqualificazione di alcune strutture con progetti degli enti locali e delle associazioni”, ha spiegato Giannini, le cui parole sono riportate dal sito di informazione 7Colli. “Nel corso degli anni, la Regione Lazio ha partecipato in via ufficiale, con il proprio cerimoniale, a più ricorrenze di quel tragico evento datato 16 aprile 1973, nel quale furono barbaramente uccisi i fratelli Mattei e che a tutt’oggi ha lasciato la famiglia senza giustizia”, ha quindi ricordato il consigliere regionale, facendo riferimento alla vergognosa vicenda giudiziaria, che, derubricando le accuse di quella tentata strage a omicidio colposo, aprì la strada, insieme alle complicità del soccorso rosso, all’impunità di fatto dei tre assassini.

La sorella Antonella: “Sarà colorato e gioioso, come loro”

“Sono orgogliosa e molto contenta”, ha detto Antonella Mattei, che da sempre si batte per il ricordo dei fratelli e perché il loro assassinio sia monito per un futuro pacificato. “Immagino un disegno colorato, gioioso, che restituisca la vitalità dei miei fratelli. Lo vorrei così per la loro memoria, perché meritano di essere ricordati per il ragazzo e il bambino solari e sereni che erano. E per la memoria dei miei genitori, che hanno fatto di tutto per darci sempre, anche dopo, una famiglia amorevole, tenace, generosa. Anche per i condomini. Per chi ancora vive in quel palazzo quello è un trauma mai superato. Vorrei che il ricordo di Stefano e Virgilio si accendesse di luce anche per loro. E per tutti quelli che – ha concluso Antonella Mattei – conoscono o conosceranno la nostra storia, magari anche grazie a questo murales”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )