Paura in Norvegia: morti 23 anziani, sotto accusa il vaccino Pfizer. I medici: «Niente allarmismi»

sabato 16 Gennaio 15:05 - di Mia Fenice
Norvegia

Una reazione avversa alla prima dose di vaccino anti-Covid potrebbe essere responsabile di 23 decessi registrati tra pazienti anziani e fragili in case di cura della Norvegia. È quanto si legge in una nota diffusa dall’Agenzia norvegese del farmaco (Norwegian Medicines Agency, NoMa).

«La valutazione condotta suggerisce che reazioni avverse comuni ai vaccini a mRna. Come febbre e nausea, possono avere contribuito a un esito fatale in alcuni pazienti fragili». Afferma Sigurd Hortemo, medico capo della NoMa.

Secondo l’ente regolatore, gli studi sul vaccino Comirnaty di Pfizer/BioNTech hanno incluso pochi over 85 e non hanno coinvolto pazienti instabili o con malattie in fase acuta. Dal V-Day del 27 dicembre scorso, oltre 25mila norvegesi sono stati vaccinati contro il coronavirus Sars-CoV-2.Norvegia».

Norvegia, effettuate 13 autopsie

E poi prosegue ancora la nota. Le segnalazioni di sospette reazioni avverse, compresa la morte, vengono ricevute quotidianamente e progressivamente valutate sia dalla NoMa sia dall’Istituto nazionale di sanità pubblica (Niph).

Dopo l’esecuzione di 13 autopsie dei deceduti, il Niph ha aggiornato le linee guida per la vaccinazione contro Covid-19. Fornendo indicazioni più dettagliate sulla profilassi degli anziani fragili. «Per i pazienti più gravi anche gli effetti collaterali relativamente lievi del vaccino possono avere gravi conseguenze», evidenzia infatti l’Istituto. Secondo cui «per coloro che hanno comunque un’aspettativa di vita residua molto breve il beneficio del vaccino può essere marginale o irrilevante».

«I medici devono valutare chi vaccinare»

«Nelle case di cura norvegesi muoiono circa 400 persone a settimana»,  dichiara Steinar Madsen, direttore medico NoMa. «Tutti i decessi che si verificano in un periodo che potrebbe giustificare un legame con la vaccinazione vengono valutati attentamente. E non vi è alcuna indicazione che il vaccino causi la morte», tiene a puntualizzare. «I medici devono valutare attentamente chi dovrebbe essere vaccinato – raccomanda l’esperto – I pazienti molto fragili e in fine possono essere vaccinati dopo una valutazione individuale».

Le dichiarazioni del Norwegian Institute of Public Health

Ma, dopo la diffusione della notizia, il Norwegian Institute of Public Health, è stato interpellato dall’agenzia di stampa Bloomberg. La Stampa ha riportato le sue dichiarazioni. «Per pazienti con più grave fragilità, anche gli effetti collaterali relativamente lievi dei vaccini possono avere gravi conseguenze. Per coloro che hanno comunque una vita residua molto breve, il beneficio del vaccino può essere marginale o irrilevante».

Norvegia, lievi effetti collaterali

Su 23 decessi, tredici sono stati sottoposti ad autopsia. È emerso che lievi effetti collaterali (piuttosto comuni nei vaccini) hanno avuto incidenza determinante. E questo in pazienti di età molto avanzata e con molte fragilità connesse all’età. L’istituto poi fornisce altre spiegazioni. «Questo non significa che soltanto i pazienti giovani debbano essere sottoposti alla vaccinazione. Ma rappresenta un dato che va studiato e valutato per quanto riguarda la risposta al siero Pfizer. Nulla di particolarmente allarmistico. Soprattutto in considerazione della bassissima percentuale di effetti collaterali. (Ripetiamo: lievi, anche se incidenti su pazienti molto anziani). Rispetto alle somministrazioni effettuate in Norvegia».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica