Italia groviera d’Europa: col Covid gli sbarchi aumentano solo da noi. Meloni: “Conte a casa”

domenica 10 Gennaio 19:57 - di Lucio Meo

I dati Frontex parlano chiaro: siamo la groviera del Vecchio Continente. L’agenzia europea per il controllo delle frontiere esterne, l’anno scorso ha stimato nella Ue l’arrivo in media del 13 per cento di migranti in meno rispetto all’anno precedente, in totale 99.206 persone, il numero più basso dal 2013. Ma l’Italia fa eccezione, con un aumento del 154 per cento sulla rotta del Mediterraneo: 35.628 arrivi, quasi tutti in Italia con 34.134 migranti registrati dal ministero dell’Interno rispetto agli 11.471 del 2019. Tutto “merito” del governo Conte, attacca Giorgia Meloni.

Sbarchi, la Meloni contro il governo Conte

“Impietosi i dati Frontex-Ministero dell’Interno: l’emergenza Covid ha fatto diminuire gli arrivi illegali di immigrati verso tutta Europa, con la sola eccezione dell’Italia. Nel 2020, infatti, è triplicato il flusso via mare attraverso il Mediterraneo centrale (con Tunisia e Libia come porti di partenza) e si sono intensificati anche gli arrivi via terra sulla rotta balcanica”. È quanto scrive su Facebook la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni rilanciando la petizione online avviata FdI per sostenere la mozione di sfiducia al governo Conte all’indirizzo www.sfiduciamoilgovernoconte.it.

“Dati che parlano da soli e sono il risultato della furia immigrazionista del Governo giallorosso, che spalanca i porti mentre in Italia decine di migliaia di imprese hanno già chiuso (e altrettante rischiano lo stesso destino) e sempre più famiglie scivolano sotto la soglia della povertà -prosegue Meloni-. Conte, Di Maio, Zingaretti e Renzi devono andare a casa: Fratelli d’Italia continua a raccogliere le firme a sostegno della presentazione in Parlamento della mozione di sfiducia al Governo. E lo straordinario consenso che abbiamo raccolto conferma che gli italiani chiedono libere elezioni e vogliono dare all’Italia un governo che difenda i suoi cittadini, le sue famiglie, le sue aziende”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *