Sondaggio Euromedia, il centrodestra unito continua a crescere. Il governo scivola al 40,6%

mercoledì 16 Dicembre 17:20 - di Giovanna Taormina
sondaggio

Il centrodestra continua a crescere e vola al 47,4% dei consensi. Lo certifica l’ultimo sondaggio che Alessandra Ghisleri di Euromedia Research presenta nella trasmissione di oggi di Porta a porta. In base alle intenzioni di voto degli italiani, cresce il distacco tra centrodestra e area di governo. A conferma che gli italiani non ne possono più di Conte e i suoi alleati. Ai partiti della coalizione di centrodestra vengono attribuiti 47,4 punti con un aumento di 0,3 dall’ultima rilevazione mentre la somma dei partiti di governo perde lo 0,3% fermandosi al 40,6%.

Sondaggio, FdI terzo partito

Primo partito rimane la Lega con il 24 % (guadagna lo 0,2 %), secondo partito italiano resta il Pd al 19,3 % (guadagna lo 0,2%). Il calo maggiore lo registra il Movimento 5Stelle che perde lo 0,7% fermandosi al 14,8%, stabilmente superato da Fratelli d’Italia che rimane terzo partito italiano al 15.5%.

Nell’area di maggioranza, inoltre, Italia Viva totalizza il 3,7% (+0,2), Si e Mdp-Art.1 rispettivamente 1,6 e 1,2 (invariati). Nell’area dell’opposizione Forza Italia ottiene il 6,8% (+0,2) e altri di centrodestra l’1’1%. Al di fuori delle due aree, Azione si aggiudica il 3,4% delle intenzioni di voto (+01), +Europa 2% (invariato), Federazione dei Verdi-Europa verde 1,5% (+0,2), altri 5,1% (invariati).

La precedente rilevazione sui leader

Nei giorni scorsi  nel sondaggio Index Research sulla fiducia nei principali rappresentati dei partiti del nostro Paese Giorgia Meloni è passata al primo posto. Nella puntata di Piazza pulita su La7  la leader di FdI ha scavalcato Giuseppe Conte. Secondo quanto riportato dall’istituto demoscopico, la leader di FdI è rimasta stabile al 38% dal 26 novembre; il 15 ottobre poteva godere del 35%. Il premier ha perso un 2% tondo nei consensi ed  è sceso al 36%. Gli italiani quindi  si mostrano sempre più insofferenti nei confronti del premier. Il 15 ottobre registrava un 44%, il 26 novembre e il 3 dicembre era sceso al 38% e adesso si è collocato secondo con il 36%.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica