L’ex direttore dell’Agenzia spaziale israeliana: “Siamo in contatto con gli alieni. Trump è informato”

mercoledì 9 Dicembre 15:51 - di Penelope Corrado
Trump alieni

“Gli alieni sono già in contatto con noi. Lo sa anche Trump”. Ha fatto sobbalzare sulla sedia gli ufologi di tutto il mondo l’intervista all’ex capo della sicurezza spaziale israeliana, Haim Eshed. Dichiarazioni inverosimili, che sembrano un pesce d’aprile fuori stagione. 

L’intervista è apparsa sul quotidiano più letto in Israele, Yediot Aharonot. Tuttavia, l’intervistato vanta un curriculum inattaccabile. Il professore Haim Eshed è stato fondatore e direttore del programma di difesa spaziale del Ministero della difesa israeliano per 30 anni, dal 1981 al 2011. Tuttavia, le frasi sono davvero da filmetto di fantascienza.

“Gli oggetti volanti non identificati hanno chiesto di non pubblicare che sono qui, l’umanità non è ancora pronta”, ha detto il professore israeliano.  L’intervista in ebraico è stata pubblicata venerdì ed è stata rilanciata in tutto il mondo dopo la pubblicazione, in inglese, del Jerusalem Post martedì 8 dicembre.

Gli alieni e Trump: la storia della forza spaziale americana

Scienziato rispettato e generale in pensione, Eshed ha detto che gli alieni sono curiosi dell’umanità e stanno cercando di capire “il tessuto dell’universo”. Eshed ha aggiunto che sono stati firmati accordi di cooperazione tra le specie, inclusa una “base sotterranea nelle profondità di Marte” dove sono presenti astronauti americani e rappresentanti alieni. “C’è un accordo tra il governo degli Stati Uniti e gli alieni. Hanno firmato un contratto con noi per fare esperimenti qui”, ha detto.
Eshed ha precisato persino che il presidente Donald Trump era a conoscenza dell’esistenza degli extraterrestri ed era stato “sul punto di rivelare” questeinformazioni, ma gli è stato chiesto di non farlo per prevenire “l’isteria di massa”.

“Hanno aspettato fino ad oggi che l’umanità si sviluppasse e raggiungesse uno stadio in cui capiremo, in generale, cosa sono lo spazio e le astronavi”, ha detto Eshed, riferendosi alla federazione galattica.

Il Pentagono non commenta, la Nasa smentisce

La Casa Bianca e i funzionari israeliani non hanno risposto alla richiesta di commento di NBC News. Sue Gough, un portavoce del Pentagono, ha rifiutato di commentare. L’unico dato certo è che la presidenza Trump ha introdotto le forze armate spaziali. Iniziativa registrata con qualche ironia, due anni fa. Ma da qui a sostenere la favoletta di Trump e gli alieni ce ne corre.  Un portavoce della Nasa ha detto che uno degli obiettivi chiave dell’agenzia è la ricerca della vita nell’universo, ma che bisogna ancora trovare segni di vita extraterrestre.

Il libro in uscita del professore israeliano

“Anche se dobbiamo ancora trovare segni di vita extraterrestre, la Nasa sta esplorando il sistema solare e oltre per aiutarci a rispondere a domande fondamentali, incluso se siamo soli nell’universo”, ha detto il portavoce in un comunicato. Le idee di Eshed sono enunciate in modo più dettagliato in “L’universo oltre l’orizzonte – conversazioni con il professor Haim Eshed” di Hagar Yanai pubblicato a novembre. Il che spiegherebbe tutto. Quale migliore pubblicità mondiale di un’intervista del genere?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )