Insulti sessisti a Giorgia Meloni: “Impiegatela in un porto in Libia come risorsa per i marinai”

venerdì 18 Dicembre 13:39 - di Adele Sirocchi

Ancora insulti sessisti a Giorgia Meloni. Ancora silenzio dalla cupola pseudo-femminista sempre pronta a gridare allo scandalo quando gli hater colpiscono una donna di sinistra. Ultima polemica: la Boschi strapazzata da Lilli Gruber.

Gli hater contro Giorgia Meloni non fanno notizia

Invece, come da copione, il livore riversato su Giorgia Meloni non fa notizia e non crea indignazione. Ma sottolinearlo sempre non guasta, giusto per ricordare quanta ipocrisia si annidi tra le pieghe della retorica stile “non una di meno”. Anche personaggi come Rita Dalla Chiesa hanno notato, tempo fa,  questo colpevole strabismo, e lo hanno pubblicamente denunciato.

Il post vergognoso di Dario Angeli

Ora parliamo del post di Dario Angeli, ex sindaco di Remanzacco (Udine) che ha scritto un post di questo tenore: “Lasciare Giorgia Meloni in Libia come contropartita per impiegarla sul porto come risorsa dei marinai per i tanti “lavori” portuali”. Dario Angeli, che ha poi cancellato il post, è ora consigliere comunale per una lista civica di sinistra con delega ai rapporti con le istituzioni.

Meloni: ora le femministe condanneranno?

“Vediamo se ora – ha commentato Meloni –  la sinistra e le femministe condanneranno le parole indegne di questo mezzo “uomo”. P.S. l’ex sindaco cuor di leone, pensando di insabbiare le prove, ha cancellato da poco l’ignobile post”. Isabella Rauti ha chiesto le dimissioni di Dario Angeli: “Qui – ha detto – siamo oltre il ricorrente sessismo del linguaggio politico ed il maschilismo truce, siamo all’oltraggio delle istituzioni e del genere femminile” .

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica