site logo
Gf Vip
Spettacoli

Gf Vip, “assalto” alla casa con i megafoni: «Gettate solo fango su Elisabetta», «Vergognatevi»

01 dic 2020 di Fabio Marinangeli

«Vergognatevi». È una protesta continua. Difendono la Gregoraci. Urlano, arrivano con i megafoni fuori dalla casa del Gf Vip. Hanno i cellulari in mano per seguire la diretta e vedere quando i concorrenti sono in giardino. Immediatamente i “controllori” del programma mettono la musica per non far ascoltare. Ma non appena torna il silenzio i fan ricominciano. «Elisabetta e Pierpaolo, non fidatevi di nessuno». «È un complotto, vogliono farvi fuori». «Restate uniti». Una reazione furiosa, dopo il serale dove è accaduto di tutto. E soprattutto dove c’è stato l’ennesimo tiro al bersaglio contro la Gregoraci, difesa dalla sola Patrizia De Blanck che però era in studio.

Gf Vip, si continua a “sparare” su Elisabetta

Gli autori sono sotto accusa. Hanno creato l’ennesima occasione per “sparare” su Elisabetta. Hanno messo in onda litigi e veleni, tra l’altro accaduti giorni fa, senza fare un minimo cenno a quel che è accaduto dopo. In primis, la riappacificazione con Pierpaolo e i famosi paletti abbassati, con un gioco di abbracci e sguardi. I fan temono sia una strategia per mandare via la Gregoraci, visto che è intenzionata ad andarsene a causa dell’allungamento del programma. Un rischio, la sua uscita, visto che è una delle protagoniste principali del Gf Vip. Allora, la contromossa è quella di gettarle qualche ombra addosso e fare in modo che Pierpaolo sposti l’attenzione su altre concorrenti, come ad esempio Giulia. In questo modo creerebbero un’altra love story utile a recuperare quegli ascolti che verrebbero meno con l’addio dell’ex moglie di Briatore.

Anche i social si infiammano

Il Gf Vip ora è travolto dalle polemiche, con i social infiammati e la rabbia. «State facendo un monumento a Selvaggia e Giulia, santificandole», scrivono su fb e Instagram. «Sono le peggiori insieme a Dyane, dalle loro bocche escono volgarità a raffica».

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi
abbonamenti
Commenti
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. i campi contrassegnati con * sono obbligatori.