Violenza a Milano, immigrati immobilizzano e picchiano un 45enne per rapinarlo nel coprifuoco

lunedì 2 Novembre 9:33 - di Paolo Sturaro
Milano

In pieno coprifuoco a Milano una violenta rapina ai danni di un italiano di 45 anni. Due gli immigrati che hanno messo a segno il colpo. Erano in strada nonostante il divieto. Hanno aggredito e scippato la vittima per poi prendere la via della fuga.

Milano, la rapina contro il 45enne

Gli immigrati hanno agito oltre mezz’ora dopo l’inizio del coprifuoco anti-coronavirus. Hanno individuato la persona da rapinare, un 45enne che stava rientrando a casa. All’improvviso sono spuntati fuori, l’hanno immediatamente immobilizzato e picchiato. Poi gli hanno sottratto lo zaino che aveva sulle spalle.

In manette nella zona della Stazione Centrale

Sul posto è immediatamente intervenuta una Volante della polizia, che ha ascoltato la testimonianza del 45enne. Gli agenti hanno iniziato le ricerche mettendosi sulle tracce dei rapinatori. Uno dei due – un 34enne immigrato afgano irregolare in Italia e con precedenti, è stato trovato poco distante. Era ancora nella zona della Stazione Centrale di Milano. Quindi l’hanno arrestato. Ora deve rispondere all’accusa di rapina aggravata in concorso con ignoti. Il malvivente, a ulteriore prova della sua colpevolezza, aveva con sé lo zaino rubato alla vittima.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica