«Asino, vorrei spararti in bocca»: minacce di morte a Zaia e violenti attacchi alla Lega sul web

domenica 8 Novembre 15:20 - di Martino Della Costa
Minacce di morte a Zaia

Non sono più semplici avversari politici. E neppure banalmente leoni da tastiera. Quelle arrivate a Luca Zaia nelle ultime ore sono vere e proprie minacce di morte firmate da haters, aggressivi quanto pericolosi. Una delle ultime pubblicate sui sociale recita letteralmente: «Sei un asino, vorrei spararti in bocca». Intimidazioni violente che nulla a che a fare con la preoccupazione per la pandemia o con semplici recriminazioni intestate all’amministratore di turno. No, quelle arrivate al governatore del Veneto sono chiare e inquietanti minacce di morte.

Minacce di morte a Luca Zaia

Pesanti minacce di morte contro Zaia, insultato e aggredito via social come privato cittadino e in veste di governatore di regione. Il quale, dal canto suo, replica con invidiabile aplombe: il silenzio e con una sonora denuncia per diffamazione contro ignoti. Ma è evidente e sotto gli occhi di internauti e giuristi, che post e tweet pubblicati contro il numero uno del Veneto, insultato e minacciato, sono accuse e insulti che vanno ben oltre il lecito. Interventi che delineano a suon di efferatezza e risentimento, un rancore che ha connotazione che travalicano il diritto di critica e di pretesa di vergare online un’opinione, qualunque essa sia. Spesso, come in questo caso, la forma diventa sostanza…

Attacchi violenti frutto di un clima incandescente

A sottolineare l’allarme, poi ripreso e rilanciato dal sito di Libero, è Il Gazzettino che, intravedendo nelle minacce a Zaia i profili di una più estesa strategia di attacco alla Lega, denuncia i toni incandescenti della polemica politica, ascrivendo quanto sta accadendo alla pericolosità a cui la situazione rimanda. In particolare, allora, la mail finita nel mirino, spiegano le testate appena citate, risale allo scorso 21 settembre. E rimanda a un account ben preciso. Oltre che a  un pregresso rivisitato anche da Il giornale, che già a luglio denunciava un post comparso sui social in cui un rapper pubblicava un’immagine di Zaia a testa in giù, corredato dalla didascali che recitava: «leghista attento, fischia ancora il vento». Uno dei tanti post apripista, culminati nelle minacce delle ultime settimane. Al governatore, in queste ore, la solidarietà bipartisan degli esponenti politici.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica