Unioni civili, il cardinale Müller contesta il Papa: sono leale alla parola di Dio

venerdì 23 Ottobre 11:17 - di Riccardo Angelini
Muller cardinale unioni civili

Unioni civili, una grande confusione. Questo l’effetto delle parole del Papa in un documentario mostrato alla Festa del cinema a Roma. Con il mondo cattolico che si divide tra chi pensa che il Papa sia strumentalizzato e chi invece ritiene che Bergoglio abbia fatto una svolta storica rispetto all’atteggiamento della Chiesa verso le coppie gay.

Unioni civili, le parole del Papa

Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili. In questo modo, gli omosessuali godrebbero di una copertura legale. Io ho difeso questo“. Queste le parole del Papa su cui esprime molte perplessità il cardinale Gerhard Ludwig Müller, 73 anni a fine dicembre, teologo e curatore dell’opera omnia di Ratzinger.

Il cardinal Müller contesta Bergoglio

In un’intervista al Corriere Müller ricorda che il Papa “non è al di sopra della Parola di Dio. Che ha creato l’essere umano maschio e femmina, il matrimonio e la famiglia. Sono cardinale e sempre dalla parte del Papa, ma non a tutte le condizioni. Non è una lealtà assoluta. La prima lealtà è alla Parola di Dio. Il Papa è il Vicario di Cristo, non è Cristo. E io sono credente in Dio”.

Unioni civili, tanti fedeli sono disturbati

E all’obiezione che papa Francesco non ha parlato di matrimonio ma di riconoscimento giuridico delle coppie omosessuali, risponde così: “E qual è la differenza, in fondo? In molti Stati le cosiddette unioni sono state soltanto la premessa del riconoscimento dei matrimoni gay. Per questo tanti fedeli sono disturbati, pensano che queste parole sarebbero solo il primo passo verso una giustificazione delle unioni omosessuali, per la Chiesa, e questo non è possibile”.

La Genesi è chiara: Dio creò l’uomo maschio e femmina

Il motivo? “Dall’inizio della Scrittura, nella Genesi, si dice che Dio ha creato l’uomo e la donna. Gesù lo ricorda ai farisei: l’uomo si unirà con sua moglie e i due saranno una sola carne. Per questo il solo matrimonio possibile è tra uomo e donna e i rapporti sessuali sono riservati esclusivamente al matrimonio. Non vogliamo condannare le persone con tendenza omosessuale, anzi vanno accompagnate e aiutate: ma secondo le condizioni della dottrina cristiana”.

La parola di Dio vale in tutti i tempi

Secondo il cardinale, infine, la parola di Dio non può adattarsi ai tempi: “La Parola di Dio vale per tutti i tempi. E parla del diritto naturale, morale. La costituzione antropologica non è rispettata in questa nuova antropologia Lgbt: dicono non esista una natura umana definita, uomo e donna, e il sesso sarebbe solo un costrutto ideale, con tutte le conseguenze del caso, compreso il diritto di cambiarlo. Ma non esiste un futuro dell’umanità senza riconoscere la complementarietà fra uomo e donna, il dato biologico e psichico, un rapporto che fonda la cultura umana. Il Papa è anche il primo interprete della legge naturale: perché interviene in queste cose degli Stati senza sottolineare la dimensione della legge naturale?”.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe M. 25 Ottobre 2020

    “Senza radici” è un libro uscito nel 2004 e scritto a quattro mani dall’ex presidente del Senato Marcello Pera e Papa Benedetto XVI Joseph Ratzinger. Questa è la dissoluzione dell’immagine dell’uomo. Così Ratzinger nel libro scritto bel 2004. Qui non si tratta di discriminazione, bensì della questione di cos’è la persona umana in quanto uomo e in quanto donna e di quale unione può ricevere una forma giuridica. Se da una parte l’unione fra uomo e donna si distacca sempre più da forme giuridiche, se dall’altra l’unione omosessuale viene vista sempre più come dello stesso rango del matrimonio, siamo allora davanti a una dissoluzione dell’immagine dell’uomo, le cui conseguenze possono solo essere estremamente gravi”.
    Caro Bergoglio, comportati da Papa, non legittimare “Sodoma e Gomorra”, con le sue esternazioni sinistroidi ha creato confusione e disorientamento. Prima con l’Islam, ora coi gay. Ma che papa è Francesco?

  • raimondo 24 Ottobre 2020

    con tutto il rispetto per Papa Bergoglio,ritengo che questa concenzione un pò “bonaria” nei confronti degli omosessuali difficilmente potrà trovare una condivisione da parte dei credenti.Dio creò Adamo ed Eva,da cui è nato l’uomo e Gesù Cristo ha sempre messo in primo piano l’amore tra uomo e donna,dalla cui unione scaturisce la vera famiglia.
    Questo è ,non credo che si possano dare altre interpretazioni

  • Sergio Barbato 24 Ottobre 2020

    Non si possono non condividere le argomentazioni del Cardinale Muller, sarebbe opportuno che il Papa, proprio per il ruolo di cui è investito chiarisse bene il suo pensiero sulle unioni civili tra persone dello stesso sesso.

  • Concetto Baronessa 24 Ottobre 2020

    SR, sab. 24. 10 2020
    Sono d’accordo con il card. Mueller.
    Concetto Baronessa