Omotransfobia, piazza del Popolo si tinge di rosso per dire no al ddl Zan. Meloni: «Battaglia di libertà»

sabato 17 Ottobre 18:04 - di Redazione
ddl Zan

Piazza del Popolo a Roma si tinge di rosso. Tantissimi palloncini colorati e gli striscioni per dire no al ddl Zan sull’omotransfobia. #RestiamoLiberi per la libertà è lo slogan della manifestazione. “Non imbavagliate le coscienze, restiamo liberi”, “No alla legge liberticida. Stop al ddl Zan”, sono alcuni dei cartelli che si leggono nella piazza. I manifestanti sono tantissimi e tutti con la mascherina. Con loro, come scrive Giorgia Meloni in un post su Facebook,  c’è anche Fratelli d’Italia. «Senza simboli di partito al fianco dei cittadini, delle famiglie e delle tante associazioni che hanno organizzato una grande manifestazione a Piazza del Popolo. Per difendere la libertà di espressione da un progetto di legge ideologico e liberticida».

Ddl Zan, Meloni: «Vogliono introdurre un nuovo reato d’opinione»

E ancora. «Li ringrazio di cuore perché hanno avuto il coraggio di sfidare il pensiero unico dominante. E dire chiaramente che il vero obiettivo del ddl Zan-Boldrini-Scalfarotto sull’omotransfobia non è combattere le discriminazioni. Ma introdurre un nuovo reato d’opinione. Perché non c’è niente di civile e moderno nel definire “omofobo” chiunque dica no alla barbarie dell’utero in affitto. O difenda il diritto di un bambino ad avere un padre e una madre». Il nostro ordinamento, puntualizza ancora Giorgia Meloni, «tutela già oggi qualsiasi tipo di offesa alla persona a prescindere da quale che sia il suo orientamento sessuale e i dati ufficiali confermano che non c’è nessuna emergenza. Lo scopo di questa proposta è un altro. Punire, mettere in carcere e rieducare chi non si allinea al mainstream. Lo ha ribadito anche oggi il presidente della Cei, il cardinal Bassetti: “La libertà di pensiero non può essere discriminata perché ritenuta discriminante”. È una battaglia di libertà e di democrazia e noi di Fratelli d’Italia saremo sempre in prima linea per combatterla».

Ddl Zan, in piazza anche Pro Vita

In piazza c’è anche Jacopo Coghe, vice presidente di Pro Vita & Famiglia Onlus. «Questa piazza tanto colma, nel pieno dell’emergenza Coronavirus, dimostra di essere la piazza della libertà. Qui ci sono famiglie che vengono da tutta Italia per dire no alla legge contro l’omotransfobia che prevede nuovi reati di opinione e toglierà democrazia uccidendo la Costituzione. C’è un popolo che si sta risvegliando e che non è disposto a restare indifferente mentre la libertà viene minata nel nostro Paese». E ancora. «I politici che vogliono questa legge ci raccontano di un Paese apparentemente saturo di omofobia dove si susseguono casi di aggressioni. Una narrazione sostenuta falsamente da tutti i principali mass media radical. Certe persone – prosegue – sono disposte a tutto per denunciare violenze inesistenti, anche a mentire spudoratamente».

«Una legge che è una grande marchetta al mondo Lgbt. Grazie allo stanziamento di 4 milioni di euro le loro associazioni avranno fondi per entrare nelle scuole di ogni ordine e grado e parlare di gender ai nostri figli. Allora sì, diciamolo, c’è un’emergenza. È in gioco la nostra libertà di espressione, di educazione e di professione religiosa. Nessuno – ha concluso – andrà nelle scuole dei nostri figli, fin dai 6 anni, a celebrare l’omosessualità, la bisessualità, la transessualità, il genere fluido. Viva la libertà!».

Pillon: «Faremo le barricate in Senato»

In piazza è presente anche il senatore della Lega, Simone Pillon. «Le persone vanno sempre rispettate e la legge già oggi lo garantisce, ma col pdl Zan le Drag Queen andranno a insegnare il Gender ai nostri figli e da genitori non potremo opporci. L’utero in affitto diventerà legge come pure le adozioni gay, visto che sarà considerata discriminazione vietarli, mentre in un momento tanto difficile per tutti, milioni di euro saranno distolti dal bilancio dello Stato e stanziati in favore delle lobby Lgbt. Le semplici parole mamma e papà saranno considerate discriminatorie, come pure maschio e femmina. Se passerà alla Camera faremo barricate al Senato».

Fratelli d’Italia oggi in piazza senza simboli di partito al fianco dei cittadini, delle famiglie e delle tante…

Pubblicato da Giorgia Meloni su Sabato 17 ottobre 2020

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • antonino curatolo 19 Ottobre 2020

    Ho l’impressione che al governo c’è gente che ha perso il lume della ragione o forse la ragione non l’ha mai avuta. Sostengo con forza il diritto di un bambino ad avere un padre e una madre e condanno senza se e senza ma l’utero in affitto. Se questa posizione consente a degli squilibrati di definirmi omofobo mi interessa meno di niente. La natura non può e non deve essere stravolta da gente priva di ogni forma di normalità e per normalità intendo il riferimento alla natura stessa.

  • Fernando 18 Ottobre 2020

    Finalmente qualcosa si muove.

  • Francesco Ciccarelli 18 Ottobre 2020

    La propaganda omosessuale nelle scuole è il “cavallo di Troia” dei pedofili che vogliono perfino la libertà di “orientamento sessuale”.

  • FAUSTO 18 Ottobre 2020

    Siamo alla pazzia pura; Walt DIsney ha riconosciuto che i suoi cartoon sono razzisti (corvo nero/corvo bianco) noi e i nostri figli ci siamo divertiti guardando i bellissimi cartoon ed ora diventano battaglia politica. Siamo pazzi. Speriamo che in USA vinca Trump altrimenti con i dem al potre ripiombiamo nel medioevo

  • Carlo Papa 18 Ottobre 2020

    Eschilo – Eumenidi, tremila anni fa: “l’abbraccio tra l’uomo e la donna è destino: più saldo di un patto giurato….”
    ….e Berlinguer ministro negli anni 90 voleva eliminare il liceo classico. Perché?

  • Silvia Toresi 18 Ottobre 2020

    Ma siamo ancora in democrazia o bisogna avere un pensiero unico?

  • Riccardo Cristiani 18 Ottobre 2020

    Davanti a leggi come questa, ideologica, subdola e liberticida, l’adesione non può che essere libera dalle posizioni delle segreterie dei partiti. L’omofobia è già penalmente sanzionata. Le conseguenze pretese dalla legge, sono da regime antidemocratico e repressive della libertà di coscienza che esige la coerenza dei personali convincimenti

  • Laura52 18 Ottobre 2020

    Se questi’ propositori ‘ del ddl hanno problemi a capire di che ‘genere’ sono, glielo dico io: del genere cretino

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica