Nobel per la chimica in rosa: premiate una francese e un’americana per il “taglia-incolla del Dna”

mercoledì 7 Ottobre 15:43 - di Davide Ventola
Nobel chimica

Il Premio Nobel per la Chimica 2020 è stato assegnato oggi a due donne, le scienziate Emmanuelle Charpentier e Jennifer A. Doudna, “per avere sviluppato un sistema di editing del genoma”. Il Nobel per la Chimica viene assegnato dal 1901.

“Il mio desiderio è che questo premio fornisca un messaggio positivo alle ragazze che vorrebbero seguire il percorso della scienza. Può mostrare loro che le donne nella scienza possono avere un impatto anche attraverso la ricerca che stanno svolgendo”. Così la scienziata francese Emmanuelle Charpentier. Nata a Juvisy-sur-Orge, in Francia, nel 1968, Direttore del Max Planck Unit for the Science of Pathogens di Berlino, in Germania, ed alla scienziata statunitense Jennifer A. Doudna nata nel 1964 a Washington, negli Usa, e Professore alla Berkeley University della California e ricercatrice all’Hhminews.

Chi sono Charpentier e Doudna

Emmanuelle Charpentier e Jennifer Doudna hanno studiato il sistema immunitario di un batterio Streptococcus ed hanno scoperto uno strumento molecolare che può essere utilizzato per effettuare incisioni precise nel materiale genetico, rendendo possibile cambiare facilmente il codice della vita.

“Da quando Charpentier e Doudna hanno scoperto le forbici genetiche Crispr/Cas9 nel 2012, il loro utilizzo è esploso. Le forbici genetiche hanno portato le scienze della vita in una nuova epoca e, per molti versi, stanno apportando il massimo beneficio” ha sottolineato l’Accademia reale svedese delle Scienze.

Nobel per la chimica alle madri delle forbici genetiche

Le due nuove Nobel per la Chimica, Emmanuelle Charpentier e Jennifer A. Doudna, hanno scoperto uno degli strumenti più “affilati” della tecnologia genetica: le forbici genetiche Crispr / Cas9. Usandole, i ricercatori possono modificare il Dna di animali, piante e microrganismi con estrema precisione. Questa tecnologia ha avuto un impatto rivoluzionario sulle scienze della vita, sta contribuendo a nuove terapie contro il cancro e può realizzare il sogno di curare le malattie ereditarie, ha spiegato l’Accademia reale svedese delle Scienze sottolineando che i ricercatori devono modificare i geni nelle cellule se vogliono scoprire il funzionamento interno della vita. Un lavoro che richiedeva tempo, che ra difficile e talvolta impossibile. Utilizzando le forbici genetiche Crispr / Cas9, è ora possibile cambiare il codice della vita nel corso di poche settimane.

La scoperta durante gli studi su uno streptococco

“C’è un enorme potere in questo strumento genetico, che ci riguarda tutti. Non solo ha rivoluzionato la scienza di base, ma ha anche prodotto colture innovative e porterà a nuovi trattamenti medici rivoluzionari ha detto Claes Gustafsson, presidente del Comitato per il Nobel per la Chimica. Come spesso accade nella scienza, la scoperta di queste forbici genetiche è stata inaspettata. Durante gli studi di Emmanuelle Charpentier sullo Streptococcus pyogenes, uno dei batteri che causano più danni all’umanità, ha scoperto una molecola precedentemente sconosciuta, il tracrRna. Il suo lavoro ha dimostrato che il tracrRna fa parte dell’antico sistema immunitario dei batteri, Crispr / Cas, che disarma i virus scindendo il loro Dna. Charpentier ha pubblicato la sua scoperta nel 2011. Lo stesso anno ha avviato una collaborazione con Jennifer Doudna, una biochimica esperta con una vasta conoscenza dell’Rna. Insieme, sono riusciti a ricreare le forbici genetiche dei batteri in una provetta e a semplificare i componenti molecolari delle forbici in modo che fossero più facili da usare.

Scoperta rivoluzionaria anche per i tumori

In un esperimento epocale, hanno poi riprogrammato le forbici genetiche. Nella loro forma naturale, le forbici riconoscono il Dna dai virus. Tuttavia, Charpentier e Doudna hanno dimostrato che potevano essere controllati in modo da poter tagliare qualsiasi molecola di DNA in un sito predeterminato. Dove viene tagliato il Dna è quindi facile riscrivere il codice della vita. Da quando Charpentier e Doudna hanno scoperto le forbici genetiche Crispr / Cas9 nel 2012, il loro utilizzo è esploso. Questo strumento, evidenzia infine l’Accademia reale svedese delle Scienze, ha contribuito a molte importanti scoperte nella ricerca di base e i ricercatori sulle piante sono stati in grado di sviluppare colture che resistono a muffe, parassiti e siccità. In medicina sono in corso sperimentazioni cliniche di nuove terapie antitumorali e il sogno di poter curare malattie ereditarie sta per realizzarsi. Queste forbici genetiche hanno portato le scienze della vita in una nuova epoca e, in molti modi, stanno apportando il massimo beneficio all’umanità.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica