Monopattino a 80 all’ora in provincia di Verona. Ecco il video della follia stradale

giovedì 1 Ottobre 16:37 - di Davide Ventola
monopattino

È diventato rapidamente virale sui Social un’impressionante video, girato nella zona di Bussolengo, in provincia di Verona. Nel filmato si vede un monopattino sfrecciare oltre ogni limite consentito. Una bravata che rischia di avere anche parecchi emulatori.

Filmato da un automobilista, l’ignoto conducente sfreccia oltre gli 80 chilometri all’ora, quando il limite previsto dalla legge è di 25. E, sostiene l’autore del video (rilanciato fra gli altri dall’ex calciatore Aldo Serena), superando anche alcune auto.

Monopattino, una trappola mortale sottovalutata

Insomma i monopattini elettrici rischiano di diventare un cerino acceso nella polveriera traffico delle città italiane. I dati di Asaps.it (portale della sicurezza stradale) parlano chiaro. “Lo spazio pubblico sempre più ridotto vede l’ingresso di un veicolo che ha sicuramente pregi ma anche svantaggi, magari dovuti al traffico caotico già dei centri urbani, all’attuale indisciplina di molti utenti, alla scarsa manutenzione stradale, al ridotto numero di piste ciclabili”. Chiarissimo, dunque, l’allarme dell’Associazione amici della polizia stradale, che ha anche istituito l’osservatorio monopattino.

Monopattini elettrici: è boom di incidenti stradali

Una spiegazione a tanta follia? Di sicuro, il monopattino elettrico è diventato un mezzo di trasporto usato con eccssiva disinvoltura. L’Asaps, nei mese di giugno e luglio, ha registrato un vero e proprio boom di sinistri, alcuni dei quali molto gravi, rapportati anche al limitato numero di veicoli ora in circolazione. L’Osservatorio, che registra solo i sinistri più gravi, su segnalazione dei referenti sul territorio e da notizie stampa, ha archiviato ben 43 incidenti, con comportamenti particolarmente gravi alla guida da parte degli utilizzatori, anche con casi di guida alterata dall’alcol, e modalità di guida completamente inosservanti delle normali regole di prudenza, come il contromano, il viaggiare in due, il farsi trainare o trainare biciclette, il transitare con il semaforo rosso. L’aumento esponenziale di sinistri riguarda le due grandi metropoli, Roma e Milano, ma anche centri urbani minori.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica