Mara Venier fa la grillina e si schiera con Conte: “L’opposizione fa polemiche sterili”

domenica 13 settembre 19:43 - di Marta Lima

Non poteva mancare la chiosa finale alla polemica sull’intervista “saltata” al premier Conte che inizialmente era stata prevista nel pomeriggio di Mara Venier, sulla rete ammiraglia della Rai, nel corso di “Domenica in“. Una intervista che il premier avrebbe voluto utilizzare per annunciare la riapertura delle scuole di domani (poi trasformata in messaggio sui social) ma che l’opposizione aveva bloccato sentendo odore di “propaganda bulgara”, dopo i tanti annunci a rete unificate andate in onda durante il lockdown.

La conduttrice di “Domenica in”, Mara Venier, immediatamente intervistata dall’house organ contiano, il “Fatto quotidiano“, ha sentito il dovere di schierarsi col governo, col premier e contro l’opposizione. Che ha il torto di criticare il governo sulla scuola, secondo i normali canoni della democrazia.

Mara Venier contro l’opposizione di centrodestra

Il quotidiano di Marco Travaglio dedica alla popolare conduttrice un paginone di intervista che inizia proprio dal caso-Conte e dall’intervista saltata. La polemica? “Non me lo aspettavo per niente: mi piaceva la possibilità di
un in bocca al lupo di Conte agli studenti. Non penavo di suscitare tutto questo. Eppure sono una persona attenta”.

Poi il giornalista la pungola e lei chiosa con una frase al veleno. Le opposizioni non l’hanno giudicata così attenta, le chiedono in merito alle protesta di Meloni e Salvini. “Ho letto delle reazioni sterili”, replica lei, senza peli sulla lingua. L’accusano di essere pentastellata, incalza il giornalista. “Sono tornata in Rai grazie ad Angelo Teodoli e Mario Orfeo, e se invece si riferiscono a Vincenzo Spadafora, con lui sono amica da quindici anni e per me è come un fratello. Se sono a  Domenica In è perché porto risultati…”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica