L’infettivologo Bassetti a Sileri: «Fare i tamponi all’Italia intera? Sarebbe un grosso sbaglio»

1 Set 2020 10:52 - di Roberto Mariotti
tamponi

«Si potrà arrivare a più di 300mila tamponi al giorno nelle prossime settimane? Io francamente dico che è bene avere una potenza di fuoco importante. Ma bisogna anche evitare di fare il tampone a tutti. Se facciamo 300mila test al giorno vuol dire che in 6 mesi ne facciamo 60 milioni, cioè tamponeremo l’Italia intera. E poi, quando avremo i positivi, che faremo? Riblocchiamo il Paese?». Si chiede se «sia sostenibile» Matteo Bassetti, direttore della Clinica malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova. Inteviene ad Agorà Estate su Rai 3.

Bassetti: 300mila tamponi, ho perplessità

«È una domanda che pongo ai politici», spiega. «Noi dobbiamo avere una potenza di fuoco sostenibile per poter trattare i nuovi focolai, per poter fare il test a tutti coloro che hanno sintomi compatibili» con Covid-19. «Sinceramente farlo a tutta Italia nei prossimi 6 mesi non so se sia giusto», riflette. Così commenta le parole del viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, che ha parlato di numeri di tamponi in costante crescita. E con una capacità che potrà arrivare a quota 300mila nelle prossime settimane. «Intanto è lungi dall’essere il test perfetto», sottolinea Bassetti. «Oggi io posso essere negativo e positivizzarmi stanotte perché la carica virale oggi è bassa e domani invece sale e posso essere positivo. Il tampone, quindi, è importante per tracciare nuovi focolai, è importante per chi è asintomatico, per chi arriva da Paesi a rischio. Però eviterei di farlo a tutti».

Le parole di Sileri

«Sui tamponi», aveva detto Sileri a Rai Radio1, «si sta facendo sempre di più, il numero sta crescendo. Ma durante la stagione autunnale e invernale gireranno altri virus e sarà necessario avere una potenza di fuoco maggiore. Si può arrivare a 300mila test al giorno e forse qualcosa di più nelle prossime settimane» Sui professori fragili «c’è già un documento che li tutela, è tutto affidato al medico della Asl e dell’Inail: verrà valutato caso per caso. Bisogna velocizzare la procedura, ma questo non accade in tutte le regioni».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA