Torino, immigrato africano molesta un’anziana, prende a pugni un agente e distrugge la Volante

sabato 8 Agosto 9:06 - di Paolo Sturaro
immigrato africano

Violenza cieca, una furia nelle strade di Torino. Un immigrato africano ha prima molestato un anziano, poi ha aggredito un agente e alla fine ha distrutto la Volante della Squadra Mobile. Un susseguirsi di fatti che hanno creato il panico tra la gente.

L’immigrato africano al mercato di Barriera

L’uomo era al mercato rionale di Barriera e infastidiva chi girava tra le bancarelle. In particolare aveva preso di mira una persona anziana che stava facendo la spesa. Ad assistere all’episodio c’era anche un poliziotto fuori servizio. Visto quel che stava accadendo, l’agente ha deciso di intervenire e si è qualificato chiedendo allo straniero di allontanarsi.

L’aggressione al poliziotto

In quel momento l’immigrato africano ha reagito violentemente, Ha colpito con un pugno in pieno volto il poliziotto, creando il caos. I presenti sono rimasti scioccati dalla scena e hanno immediatamente avvertito le forze dell’ordine. Intanto, subito dopo l’aggressione al poliziotto, lo straniero ha preso la via della fuga.

Gli agenti rintracciano l’uomo in un bar

Decisivo l’intervento della Sezione Falchi. Gli agenti hanno dato soccorso al poliziotto aggredito e poi hanno rintracciato lo straniero in pochi minuti. Era in un bar poco distante da dove si aveva scatenato il panico. L’immigrato africano non si stava nascondendo, stava rubando il portafoglio di un cliente che si trovava nel locale per un caffè.

La furia dell’immigrato africano contro la Volante

Gi uomini in divisa l’hanno immediatamente immobilizzato e arrestato. Ma lui non si è dato per vinto e ha reagito con una furia incredibile. Infatti, mentre si trovava all’interno della Volante che lo stava conducendo in Questura, l’immigrato africano ha prima spaccato uno dei cristalli dell’auto, poi ha piegato una delle portiere per tentare di fuggire nuovamente.  Durante il fermo ha continuato a insultare gli agenti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica