Salvini: «A casa mia chi sbaglia paga. I politici col bonus mai più candidati». Poi la stoccata all’Inps

mercoledì 12 agosto 11:25 - di Roberto Mariotti
Salvini

«Ho già dato indicazioni che i parlamentari della Lega coinvolti nella vicenda dei bonus Iva siano sospesi e non possano essere ricandidabili». Ad affermarlo, Matteo Salvini intervenendo ad Agorà, su Rai3. «Se qualcuno sbaglia in casa mia io sono inflessibile. Mi auguro che anche gli altri partiti politici siano egualmente fermi per dare un segnale di rispetto», ha poi aggiunto.

Salvini chiede conto all’Inps

«Mi faccio una domanda», aggiunge il leader della Lega. «L’Inps ha negato i 600 euro a tanti piccoli imprenditori e a tante partite Iva e non ha mai pagato la cassa integrazione a migliaia di lavoratori italiani. Come mai è riuscita a pagarla ai parlamentari senza accorgersi di nulla? C’è qualcosa che non funziona non solo in Parlamento ma anche all’Inps. Chiederemo a Tridico perché non ha pagato la cassa integrazione e ha pagato i bonus ai parlamentari».

«Tasse, dal governo solo annunci»

Poi Salvini affronta altre tematiche, a partire dal dl Agosto. «Ogni taglio di tasse ovunque venga applicato se diventa un fatto mi convince. Il problema è che questo governo ci ha preparato a tanti annunci. Mi permetto di diffidare delle chiacchiere del governo». E sul fisco? «Se il governo dovesse proporre il taglio dell’Iva i voti Lega ci sono, lo abbiamo sempre detto. Ma dal governo solo annunci».

«La Azzolina manderà gli studenti allo zoo»

Non manca l’attacco al ministro dell’Istruzione. «Mi permetto di diffidare di questo governo, con un ministro della scuola come la Azzolina che pensa di mettere i bambini nei bed and breakfast», dica Salvini. «O pensa ai banchi con le rotelle. Ma in che mani siamo? Se la Azzolina continua così va a finire che mandiamo i bambini allo zoo».

Salvini all’attacco della Raggi

Il caso Roma, La ricandidatura di Virginia Raggi a sindaco? «Serve un sindaco normale, Raggi non ne ha fatta una..», afferma. «Politico o manager poco importa, l’importante è che sia una persona che faccia qualcosa per Roma». Infine la questione del vaccino Covid obbligatorio.  «Io sono per la libertà di scelta, non sono mai per le cose obbligatorie, la gente deve poter scegliere», puntualizza Salvini. «Gli italiani hanno dimostrato un senso di responsabilità incredibile. Ora hanno il sacrosanto diritto di tornare a vivere mi sembra chiaro che non si può continuare a parlare di emergenza».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica