Paura a Taranto, violenta rissa tra immigrati nigeriani con mazze e bottiglie di birra

lunedì 10 agosto 15:54 - di Franco Bianchini
rissa tra immigrati nigeriani

Una violenza inaudita, scatenata nelle strade. Una rissa tra immigrati nigeriani che si sono affrontati sotto gli occhi di tutti. Paura e allarme in pieno centro a Taranto. Gli agenti della Questura hanno denunciato tre persone, tutte – come detto – di nazionalità nigeriana. Gli extracomunitari hanno usato come armi bottiglie di birra e grosse mazze.

Rissa tra immigrati nigeriani, l’arrivo degli agenti

Quando gli agenti sono giunti sul posto, gli immigrati nigeriani avevano già preso la via della fuga. Ma, nel corso delle perlustrazioni, i poliziotti hanno notato tre uomini accovacciati dietro alcune auto in sosta. Volevano nascondersi alla loro vista. Sono stati, quindi, fermati e controllati.

Negli zaini una mannaia di circa 30 centimetri

Avevano con sé un grosso borsone e uno zaino al cui interno vi erano alcune bottiglie di birra vuote e una mannaia di circa 30 centimetri. Mentre era ancora in corso il controllo, hanno ricevuto una segnalazione di un’altra rissa tra immigrati nigeriani in via Nitti. Sul posto, i poliziotti hanno accertato che un uomo, inseguito da alcuni suoi connazionali, per sfuggire all’aggressione aveva cercato rifugio all’interno di un locale in via Nitti. Si era nascosto nelle cucine.

La violenza anche all’interno di un locale

Gli inseguitori lo avevano raggiunto all’interno. Poi, incuranti della presenza di numerosi clienti, lo avevano aggredito lanciandogli contro anche delle grosse bottiglie di birra vuote. Avevano anche provocato numerosi danni al locale, riuscendo, alla fine, ad allontanarsi prima dell’arrivo delle Volanti. Al termine delle operazioni, i tre fermati sono stati denunciati per possesso di oggetti atti ad offendere. Sono ancora in corso ulteriori accertamenti per ricostruire la dinamica e acclarare  le responsabilità in relazione ai fatti accaduti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica