Maglie disintegra Cuperlo: «Ma voi del Pd vedete cosa fanno i migranti?». E smaschera l’ipocrisia dei buonisti 

domenica 23 agosto 8:58 - di Roberto Mariotti
Maglie

Nuovo attacco di Maria Giovanna Maglie contro le ipocrisie della sinistra e contro i buonisti nostrani. Negano anche l’evidenza, a sinistra. E lei lo dice chiaro e tondo, in tv, Lo scontro avviene a Stasera Italia, su Rete 4. Da una parte c’è la Maglie, dall’altra Gianni Cuperlo.  L’esponente del Partito democratico tenta in ogni modo di sminuire il problema dell’immigrazione. Prova a dire che il problema del coronavirus non arriva da chi sbarca in Italia. Una tesi inaccettabile, viste le notizie che arrivano quotidianamente da ogni parte del Paese. Le cifre lo provano, basterebbe leggere quelle che ci sono in Sicilia, tanto per fare un esempio.

La Maglie ridicolizza Cuperlo: «Ti arrampichi sugli specchi» 

«Perdonami». La Maglie interrompe Cuperlo. Da lui soltanto parole e tentativi di svicolare. E la dura opinionista sbotta: «Il tuo ragionamento è molto astuto. Ma non per questo è meno arrampicato sugli specchi. A me come, dove e perché si contagiano i migranti interessa poco. Io sostengo che questi nuovi casi di contagio sono riconducibili in buona parte agli immigrati e alle persone che sono andate in vacanza in Croazia, Spagna e Grecia. Prendiamo i numeri e vediamo chi ha ragione».

«Ma voi del Pd le vedete le rivolte dei migranti?»

A questo punto la Maglie ribadisce che i contagiati non sono più malati come prima: «Basta ascoltare le persone che lavorano negli ospedali tutti i giorni, come ad esempio Matteo Bassetti. Non è il caso di allarmarsi, la paura non ha mai aiutato nessuno». E per finire, l’ultima stoccata. La Maglie ricorda a Cuperlo quanto accaduto qualche giorno fa a Rocca di Papa, dove c’è stata una mezza rivolta dei migranti positivi al virus contro i poliziotti. «Voi le avete viste quelle immagini? La situazione italiana è già così difficile, perché dobbiamo aggiungere altri problemi?».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica