In 1500 al rave party illegale. «Chiudono le discoteche ma non fanno nulla con gli irriducibili dello sballo»

lunedì 17 agosto 14:24 - di Fortunata Cerri
rave party

Circa 1.500 giovani si sono dati appuntamento per partecipare a un rave party, non autorizzato, che va avanti dal 14 agosto a Spino d’Adda (Cr), fra le rive del fiume Adda e le cascine Gamello e Ca’ Nova. Oltre alle immagini circolate sui social a far scattare l’allarme sono state le segnalazioni ricevute dalle forze dell’ordine da alcuni residenti della zona. Nei frame circolati online si vedono centinaia di ragazzi mentre ballano senza mascherina e senza rispettare il distanziamento sociale. I ragazzi sono arrivati da tutta Italia e anche dall’estero e il rave è andato avanti per più di due giorni. Sul posto sono giunte le forze dell’ordine, che hanno presidiato l’area senza però poter intervenire.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

 

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica