Nuovo altolà della Casellati al governo: basta con la decretazione d’urgenza e i voti di fiducia

mercoledì 29 luglio 15:02 - di Redazione

Basta con la decretazione d’urgenza. Con l’emergenza covid sine die. Con il ricorso esagerato ai decreti del presidente del Consiglio. Con il commissariamento del Parlamento. Con i voti di fiducia. La forte denuncia viene dal presidente del Senato, Elisabetta Casellati, nel corso della Cerimonia del Ventaglio. Un altolà al governo giallorosso. Il giorno dopo le comunicazioni del premier Conte sulla proroga dello stato di emergenza.

Casellati: il governo rispetti il Parlamento

“Il Paese può vincere le sfide che lo attendono se governo e Parlamento sapranno fare la loro parte”, dice la seconda carica dello Stato. E ancora, appellandosi alla Costituzione.”E’ però necessario che ciò avvenga nel rispetto delle reciproche prerogative. E dei ruoli che la Costituzione affida a ciascuno. E la Costituzione – aggiunge – dice che le Camere sono il centro dell’azione legislativa. E il Parlamento l’interlocutore primo e insostituibile del governo”. Parole come pietre all’indirizzo del governo.

La presidente del Senato: “Troppi ricorsi al Dcpm”

“E’ una questione di metodo democratico. Su cui pesa, certamente, l’avere gestito tutte le fasi dell’emergenza con un ricorso esagerato al Dpcm. Emanati senza preventiva e dovuta consultazione con un voto del Parlamento. Ma su cui grava, soprattutto, avere sostanzialmente privato una delle due Camere della possibilità di incidere realmente sui principali decreti-legge. Anche di natura economica. E su cui grava il ricorso troppo frequente al voto di fiducia. Come strumento ordinario per la loro approvazione”.

In gioco la democrazia parlamentare

Il messaggio all’inquilino di Palazzo Chigi è dirompente. Il rischio denunciato non è da poco. In ballo c’è la sopravvivenza della democrazia parlamentare, dice esplicitamente il presidente del Senato. “Cioè l’equilibrio tra il principio della sovranità popolare, di cui sono garanti entrambe le Camere, e la responsabilità dell’azione di governo. Non è immaginabile che su un provvedimento di circa 300 articoli come il decreto-rilancio, che è sostanzialmente una manovra di bilancio, il Senato non abbia toccato palla”.

La soddisfazione di Lega e Fratelli d’Italia

”Trovo corretto e assolutamente pertinente il nuovo richiamo del Presidente del Senato  sull’eccessivo ricorso che il governo sta facendo dei Dpcm”, è il commento di Ignazio La Russa. “Giorno dopo giorno, si sta svuotando il Parlamento delle sue principali funzionalità”, denuncia il senatore di FdI. “Privare le Camere della possibilità di incidere sui principali decreti-legge non è più tollerabile. Bene ha fatto la seconda carica dello Stato a porre ancora una volta l’attenzione su questa grave mancanza”. Anche per la Lega la Casellati “ha perfettamente ragione. Basta con le sospensioni della democrazia, il Covid non deve essere l’alibi per sottrarsi ai dettami della Costituzione”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica