Mes, furbetti e traditori all’opera. Puntano al golpe in Senato

giovedì 2 luglio 6:00 - di Francesco Storace
Mes furbetti Conte

A Palazzo Madama gli uffici parlano. E più di un funzionario del Senato si sta chiedendo se si può fare una cosa del genere… Davvero la Casellati può ammettere una risoluzione che annuncia di approvare quello che nessuno ha ancora sentito? Ragazzi, è il Senato, non una cellula di partito!

Ve lo immaginate un dibattito su un documento che si preoccupa fin da ora di escludere la parola Mes dalla risoluzione che dovrebbe invece proporre al premier quel che deve andare a dire in Europa? Ed è credibile che il capogruppo di Fdi, Ciriani, possa restare fermo lì ad abbozzare una prepotenza istituzionale? E se lui o la Lega volessero chiedere un qualunque strumento per far pronunciare il Senato sul Mes, che fa la presidente?

Dopo la parolina magica “Udite”, si potrà aggiungere, ad esempio, “Mes compreso” o “Mes escluso”? Oppure che “il Mes è uno strumento assolutamente inadeguato”, come disse Giuseppi Conte? Sarebbe interesse anche di Forza Italia, che pare avere una posizione differente sul cosiddetto Salvastati rispetto agli alleati di Centrodestra, costringere chi governa a schierarsi sul sì o sul no.

E poi: ma quale Salvastati? Da come si stanno mettendo le cose questi signori di Palazzo Chigi stanno pensando solo al Salvamaggioranza. Il che in politica è anche comprensibile ma non pretendano di turlupinare chi si contrappone ai loro disegni antipatriottici.

La Casellati può fermare manovre antinazionali

I furbetti del Mes devono semplicemente evitare di far credere che all’opposizione siano improvvisamente diventati tutti scemi. E se vogliono convertire i Cinquestelle al verbo monetario pur di salvare le poltrone lo facciano senza ingannare gli avversari e soprattutto il popolo italiano.

A nessuno può più sfuggire il “dettaglio” che ormai siamo gli unici in Europa a discutere di questa brutta robaccia da ingoiare con l’ingerenza ossessiva di quei poteri che conosciamo bene. Nessun altro Paese chiede di accedere al Mes e dovremmo farlo noi?

E se nessuno vuole parlarne è perché non si vuole rimanere vittime di un imbroglio antisociale come capitò alla Grecia. Perché non è vero che non ci saranno condizioni rispetto al prestito che taluni – Zingaretti per primo – vorrebbero incassare perché poi non spetterà a loro restituire.

Certo che ci sono, le cosiddette condizionalita’, ci controlleranno fino all’ultimo euro di spesa. E isole della purezza in Italia non ci sono….

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Fernando 2 luglio 2020

    Attenzione a non cadere nella trappola del mes e evidente se il governo per per salvare la faccia incasserà sicuramente sarà un problema per un eventuale nuovo governo.

  • Pasquale Masellis 2 luglio 2020

    IN PIAZZA TRA IL POPOLO !!!

    BASTA BLA BLA

    TOGLIETEVI LE MASCHERINE COLORATE, SIETE RIDICOLI

    ED ORA APPROVATE IL MES!! BRAVI, POI FARETE LE VITTIME

  • Cervohold 2 luglio 2020

    Forza Italia si sta suicidando, aprendo a questo Sgoverno di sfasciacarrozze, il peggio del peggio dei marchettari elettorali, che stanno se possibile peggiorando un’economia già in agonia.
    Sono riusciti a contrabbandare sui media servili persino una riduzione fiscale per i lavoratori che è solo il passaggio del bonus Renzi aggiornato al 2020 da debito pubblico a bilancio. Totò avrebbe saputo fare di meglio ! Tenete duro e nessuna tegua a questi cialtroni.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica