Fanno esplodere la banca e fuggono con 60.000 €. Nella folle fuga, i ladri spariscono in un campo rom

sabato 4 luglio 17:36 - di Lorenza Mariani
Carabinieri intervengono per una rapina alla banca foto Ansa

Una banda di ladri esperti fa esplodere il bancomat: la rapina alla banca è veloce e frutta ben 60.000 €. Poi, nella folle fuga, i ladri spariscono in un campo rom. Ma la salvezza ha un costo: i ladri devono abbandonare il bottino. Questa, in estrema sintesi, la ricostruzione di quanto avvenuto nelle scorse ore a Corsico (Milano). Prima il boato, avvertito chiaramente dai residenti della zona, svegliati dal frastuono. Poi, quando il fumo inonda ancora i locali della banca appenda depredata, la folle corsa in auto della banda di rapinatori. Il quotidiano Milano Today, che denuncia la vicenda criminale, sembra certo: è «la “solita” banda specializzata nel far saltare i bancomat» degli istituti di credito, con il «gas acetilene». L’inseguimento delle forze dell’ordine scatta immediato e procede serrato. Ma i malviventi riescono comunque a far sparire le loro tracce, dileguandosi ne campo rom di Muggiano. O appena fuori di esso. Per fortuna, però, almeno il bottino, pari a 60.000 euro, è stato recuperato dai carabinieri. €

Banda rapina la banca di Corsico e scappa verso un campo rom

Una rapina da manuale, insomma. E una fuga come da protocollo criminale. Ma stavolta, appena dopo il colpo, qualcosa va storto. come riferisce il quotidiano locale appena citato, infatti, «dopo il boato, avvenuto attorno alla mezzanotte contro il bancomat dell’Ubi banca in viale Liberazione, un equipaggio del Nucleo Radiomobile di Corsico si è materializzato sul posto, intercettando immediatamente due vetture sulle quali stavano scappando i membri della banda». Parte la fuga dei rapinatori a bordo di una Opel Meriva, al cui interno di intravedono chiaramente almeno due figure. E subito l’inseguimento da parte dei militari giunti sul luogo del colpo.

I carabinieri recuperano il bottino del colpo: 60.000 euro in banconote da 50

Dopo una folle corsa, però, i due rapinatori abbandonano l’auto (e il bottino) e proseguono la fuga a piedi, riuscendo a sparire nel buio e a far perdere le loro tracce nei pressi di un campo nomadi. Intanto, nel veicolo dei malviventi, i carabinieri rinvengono una bombola di gas, un innesco elettronico munito di tubi e le cassette in metallo contenenti diverse banconote del taglio di 50 euro, pari a un totale di circa 60.000 euro: i proventi del colpo andato letteralmente in fumo… Le indagini sulla rapina proseguono: gli inquirenti stano cercando di risalire ai membri della banda.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica