Dai 100 anni del “Bar Italia” di Salò all’anfiteatro del Vittoriale: è l’estate di Gabriele D’Annunzio

sabato 11 Luglio 12:02 - di Paolo Sturaro
Gabriele D'Annunzio

Pezzi di storia, tracce di un passato che rimangono ancora oggi. Il famoso “Bar Italia” sul lungolago di Salò compie cent’anni. È il locale che Gabriele D’Annunzio amava. Il grande poeta lo scelse anche per individuare l’arrivo degli “Agonali del remo”, ossia le regate di canottaggio.

Le vicende storiche del Bar Italia e Gabriele D’Annunzio

Le vicende del “Bar Italia” sono tante. Durante la Seconda Guerra Mondiale venne messo a disposizione degli uomini della guardia di Mussolini. Nel contempo, al pian terreno, continuava la sua attività di ristoro. Nel 1975 iniziò a diventare un luogo internazionale, poi un raffinato bar.

L’inaugurazione del Parlaggio del Vittoriale

A Gardone Riviera ha invece avuto luogo l’inaugurazione del “Parlaggio” del Vittoriale degli Italiani. I lavori di copertura dell’anfiteatro – con lastre di marmo veronese, secondo la volontà di Gabriele d’Annunzio e nel rispetto del progetto originale degli anni Trenta, firmato dall’architetto Giancarlo Maroni – sono stati portati a termine grazie al sostegno economico della Regione Lombardia.

Una conquista storica e architettonica

«Il completamento dell’anfiteatro – ha detto il governatore Fontana – è un intervento di cui andare fieri. Nei fatti rappresenta una notevole conquista dal punto di vista storico e architettonico, estetico e museale, che arricchisce l’immenso patrimonio culturale lombardo. Il Vittoriale è un punto di riferimento non solo per i turisti italiani, ma anche una meta ambita e particolarmente apprezzata da visitatori che giungono da ogni parte del mondo per ammirarlo».

La dimora eroica e poetica di Gabriele D’Annunzio

«Il Vittoriale», ha detto a sua volta l’assessore regionale Stefano Bruno Galli, «fu dimora eroica e poetica di Gabriele D’Annunzio. È tra le case-museo meglio conservate e più visitate al mondo. Il suo fiore all’occhiello è proprio l’anfiteatro all’aperto. Un’arena senza eguali, che emoziona il visitatore con un indimenticabile sguardo sulle acque turchine, accarezzate dal vento, del lago di Garda».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica