Cattedrale di Nantes incendiata: fermato un immigrato africano ospitato dalla diocesi

domenica 19 luglio 11:15 - di Laura Ferrari

Si chiama Emmanuel, ha 39 anni, è un profugo originario del Ruanda. È stato fermato in queste ore in relazione alle indagini per l”’incendio doloso” nella cattedrale di Nantes, in Francia. Secondo l’emittente Rtl si tratta di un profugo ruandese che lavorava presso la diocesi e che era arrabbiato per il visto scaduto. Il sospetto è ritenuto responsabile della chiusura a chiave della cattedrale il giorno prima dell’incendio. “In questa fase si tratta di verifiche, nulla consente di coinvolgerlo nell’attuazione dell’incendio”, ha dichiarato il pubblico ministero di Nantes, Pierre Sennes, citato da Le Figaro, affermando che “dobbiamo rimanere cauti”.

Emmanuel, 39 anni, profugo del Ruanda

Arrivato dal Ruanda qualche anno fa, l’immigrato è seguito e ospitato dalla diocesi, come altre persone. Secondo quanto riportato dal quotidiano francese, Emmanuel ha cercato di rinnovare il visto e ” stava discutendo con la Prefettura su questo punto ” , ha affermato il procuratore. ” Non credo per un secondo che avrebbe potuto dare fuoco alla cattedrale. È un posto che adora , dice Jean-Charles Nowak, impiegato della cattedrale. È un uomo di servizio, molto gentile, sorridente ma piuttosto tranquillo. So che ha molti problemi di salute e che ha sofferto molto in Ruanda. Ha reso un servizio a padre Champenois che non aveva nessuno per servire la messa sabato sera. Pertanto, serviva anche regolarmente come messa ”. Intervistato da Le Figaro a proposito di quest’uomo che ha sempre sostenuto molto, padre Champenois ha rifiutato “qualsiasi commento”.

Nantes, l’incendio dopo Notre Dame de Paris

L’incendio che ha colpito la cattedrale gotica di Nantes, già devastata nel 1972 da un incendio che ha bruciato la sua struttura, ha suscitato grande scalpore sabato, più di un anno dopo l’incendio di Notre-Dame de Paris.  Secondo le prime ricostruzioni, le fiamme hanno provocato la rottura delle principali vetrate tra le due torri dell’imponente chiesa, costruita in quattro secoli e completata nel 1891. Nella cattedrale di Nantes sono stati trovati ben tre inneschi, in tre diversi punti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica