Bonus vacanze, il flop è una certezza. La denuncia di FdI e i dati del Codacons

sabato 4 Luglio 16:35 - di Guido Liberati

‘Nell’Italia che vuole ripartire non sarebbe consentito ai genitori separati che stanno con i figli non conviventi, di poter usufruire del bonus vacanze. Una situazione che ci ha spinti a presentare un’interrogazione urgente perché la famiglia rimane una ma le esigenze si moltiplicano”. Lo afferma Augusta Montaruli, parlamentare di Fratelli d’Italia. ”Il Governo avrebbe dovuto adottare la misura garantendo pari diritti ed evitando interpretazioni che possono portare conflittualità”, continua.

Montaruli: “I genitori separati sono penalizzati”

“Da ieri migliaia di genitori separati non sanno come richiedere il bonus le interpretazioni sono discordanti e non tengono conto delle varie sfaccettature della realtà che vivono gli italiani, rischiando di pregiudicare in questo caso, il diritto dei genitori non conviventi a garantire ai propri figli un periodo di svago anche in un momento così grave di crisi economica. Comprendiamo la necessità di evitare abusi e doppie erogazioni ma risiedere o meno con i figli, non rende genitori di serie b nè lo Stato può dare questo messaggio negativo”, conclude Montaruli.

Bonus vacanze: molte strutture lo rifiutano

Anche i numeri dimostrano il fallimento totale del bonus vacanze. Meno di 260 mila le richieste giunte fino a ieri a fronte di circa 30 milioni di italiani che andranno in vacanza. Inoltre, il Codacons denuncia molti problemi. Non solo utenti ma anche le agenzie di viaggio segnalano disservizi. In una nota l’associazione dei consumatori documenta i limiti del bonus. Molti consumatori denunciano come le strutture ricettive non accettino l’incentivo nel caso di soggiorni brevi. Oppure, scrive il Codacons “impongono ingiustificate soglie minime di spesa ai clienti. Chi vuole godere del bonus, in sostanza, deve spendere presso l’albergo più del valore del sussidio. Altrimenti la struttura non accetta la prenotazione. Anche quando a richiedere il bonus per conto di un cliente è l’agenzia di viaggi, molti operatori pongono un netto rifiuto, per non pagare le commissioni all’agenzia intermediaria”. Infine, sulla base delle segnalazioni giunte al Codacons, risulta che i B&B sono le strutture dove più spesso viene rifiutato il bonus vacanze.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica