Meloni: «Lorella Cuccarini non sarà confermata in Rai per motivi politici? È inaccettabile»

sabato 13 giugno 18:40 - di Viola Longo
cuccarini

Monta l’onda di indignazione per le indiscrezioni sulla volontà della Rai di epurare Lorella Cuccarini per motivi politici. La notizia, rilanciata dal sempre informatissimo Dagospia, ha fatto balzare il nome della popolare showgirl fra i trend topic di Twitter. E, dopo giorni, ancora vi resiste, portando alla “più amata dagli italiani” sempre nuove attestazioni di stima, insieme allo sconcerto per la gestione grillina della tv pubblica. Dietro il pronosticato benservito, che lascerebbe il solo Alberto Matano a condurre La Vita in diretta, vi sarebbe infatti una manina pentastellata, che i più attenti osservatori delle cose di “mamma Rai” hanno identificato in particolare in quella del ministro per lo Sport, Vincenzo Spadafora.

La solidarietà di Giorgia Meloni

“Secondo indiscrezioni Lorella Cuccarini non sarà confermata in Rai per motivi politici. Escludere per cieca ideologia una professionista qualificata e amata è ingiustificabile. Epureranno tutti coloro che non si piegano a diktat partito? #iostoconlorella”, ha twittato anche Giorgia Meloni, rilanciando l’hashtag di solidarietà alla showgirl. È stato poi Guido Crosetto a ricordare che “quando una storia professionale come quella di Lorella Cuccarini viene umiliata per pregiudizio politico o ideologico, una nazione sana dovrebbe reagire. Dovrebbero farlo giornalisti, i politici, dipendenti stessi della sua azienda. Altrimenti si apre una ferita che infetta tutto”.

Cosa dà fastidio della Cuccarini?

Un pensiero al quale in molti si sono uniti: chi dichiarando di non voler più pagare il canone; chi sottolineando che “non è normale essere cacciati con più di 35 anni di carriera alle spalle soltanto per il proprio credo politico”. Cuccarini, però, ha fatto di più, come ricorda l’utente che si presenta come “bis bis”. “Difendo da sempre il diritto al lavoro per tutti. Però, cara Cuccarini – ha scritto “bis bis” – io non dimentico le tue scelte sovraniste e la frase ‘la famiglia è solo quella formata da una mamma e un papà’“. Una puntualizzazione illuminante sul fatto che, forse perfino più delle simpatie sovraniste, a dare fastidio della Cuccarini è il fatto che incarni e dia voce a un mondo valoriale di riferimento che dà fastidio a certi ambienti. E poco importa se quei valori sono gli stessi della maggior parte degli italiani, per i quali non a caso la Lorella nazionale è “la più amata”. Il diktat resta: la Cuccarini va epurata.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Giuseppe Marinetti 15 giugno 2020

    Arriverà arriverà !!! Prima o poi arriverà quel o quella leader che in casi come questo della Cuccarini, comunque di minore portata rispetto a tanti altri, di evidente EVIDENTE VERGOGNOSA E SFACCIATA FAZIOSITÀ, farà scoppiare l’IRA FUNESTA degli italiani onesti e denunciare, svergognare, radiare, inabilitare vita natural durante dalle pubbliche funzioni coloro che pretendono ancora di mantenere rimbambito un popolo intero. Ma com’è possibile che un soggetto come CASALINO condizioni o decida cosa va ascoltato dalla TV di Stato? Perché non se ne va col suo amante cubano a Cuba? Perché no si porta appresso anche il pericolosissimo Alessandro Di Battista, la Raggi e tutti quelli di pari malevolo pensiero…. Insomma le voci finora alzatesi NON BASTANO….OCCORRONO FATTI IL PIÙ ECLATANTI POSSIBILI… Per cortesia fatemi sapere se e dove io stia sbagliando…..

  • Silvia Toresi 14 giugno 2020

    Anche questa è una forma di mafia!!!!!!

  • Antonio 14 giugno 2020

    E’ incredibile che Lorella Cuccarini venga epurata per avere pronunciato quella frase. Sono 50 anni che pago il canone e che sopporto la faziosità sinistroide dei vari Fazio, Littizzetto, Botteri, Mannoni ecc. ecc. ecc. e non ne posso più.

  • Giuseppe Remo Gardumi 14 giugno 2020

    Sinceramente faccio fatica a immaginarmi la TV senza la LORELLA NAZIONALE
    spero che la RAI cambi opinione.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica