Gli Stati generali? «Baracconata costata un occhio della testa». A sinistra parte il “processo” a Conte

venerdì 19 giugno 9:22 - di Massimo Baiocchi
Stati generali

Gli Stati Generali? Critiche da alleati e “ribelli”.  Accuse che dimostrano la scelta giusta del centrodestra di non partecipare allo spettacolo circense. «Un festival, una passerella. Un modo sbagliato di affrontare la crisi. Una sfilata di persone già viste nel corso dell’emergenza. Si ripetono le stesse cose, in modo generico…». Carlo Calenda, a Omnibus, è durissimo con Conte. «Alla fine esci fuori che non hai concluso nulla». La questione è «cosa fare domani».

Stati generali, ne esce danneggiata l’immagine dell’Italia

Non è certo la prima volta che il leader di Azione attacca gli Stati generali. L’aveva fatto anche alcuni giorni fa, etichettandoli come «ignobile baracconata organizzata da Casalino per Conte». Aveva aggiunto che era «l’immagine dell’Italia a uscirne danneggiata».

«Triste vedere Gualtieri in questo circo Barnum»

E ancora: «Fa tristezza vedere persone serie come Gualtieri far parte di questo circo Barnum, che coinvolge anche importanti personalità internazionali. Potremmo tollerarlo perché non è la prima volta che in Italia si fanno baracconate simili». Il problema è «l’incredibile figuraccia che facciamo ogni volta».

La messa in scena di Villa Pamphilj e i costi

Persino il renziano Gianfranco Librandi ironizza sugli Stati generali. «Quanto è costata la passerella di Conte? Che risultati ha prodotto questo spettacolo illusionista stile David Copperfield? L’unico effetto è stata purtroppo la delegittimazione del Parlamento, che è il luogo delle decisioni. E dunque anche del confronto con parti sociali e associazioni di categoria».

Scarsi i risultati degli Stati generali

Senza troppo clamore, solo nel 2020 il Parlamento ha dedicato centinaia di sedute alle audizioni delle categorie. Questo, senza la necessità di imbastire la costosa messa in scena di Villa Pamphilj. Con risultati molto più proficui di quelli degli Stati generali», continua Librandi.

La fiera delle ovvietà

«Evidentemente Conte sente troppo l’influenza antidemocratica della Casaleggio associati, non si rende conto che anche questi Stati generali rischiano di fare la fine della task force di Colao: la fiera delle ovvietà, pagata dai soldi dei contribuente in un momento drammatico, senza risvolti pratici».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Alberto Tefani 20 giugno 2020

    Cari voi se Gualtieri era una persona seria non entrava ha far parte di questo Giardino geologico e’ esattamente stessa pasta per non dir di peggio

  • anna maria terimini 19 giugno 2020

    vergoogna..vergoogna…vergoogna uno schiaffo alla gente che è nel bisogno.

  • Maurizio 19 giugno 2020

    Questi sono completamente usciti fuori di senno, ma come si fa anche solo a pensare di organizzare una buffonata del genere in qualsiasi periodo, ma addirittura in questo in cui gli italiani fanno fatica a mettere un piatto in tavola, per me lo fanno apposta, non si può essere così stupidi, ne fanno una al giorno, mi domando cosa deve fare più di così un governo per cadere? Ne stanno facendo di tutti i colori, io direi che può bastare no???

  • Maurizio 19 giugno 2020

    Questi sono usciti completamente fuori di senno, ma come si fa solo a pensare ad una buffonata del genere in tutti i periodi, ma soprattutto in questo in cui siamo tutti ridotti quasi alla fame? No no, questi devono solo andare a casa, cosa deve fare più di tutto quello che ha fatto un governo per cadere?

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica