Azzolina, sondaggio verità: è la ministra più disastrosa del governo Conte

lunedì 1 giugno 11:44 - di Marta Lima

“Mi piacerebbe avere e sto lavorando per avere tutti i docenti in cattedra a settembre”. Lo afferma al ‘Sole 24
Ore‘ del lunedì, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, in vista del ritorno in classe dopo l’estate. Con lo slittamento all’autunno del concorso straordinario da 32mila posti all’inizio previsto per luglio le supplenze rischiano di schizzare verso l’alto: Ma non sono 200mila”, precisa la responsabile dell’Istruzione.

Il ritorno a scuola a settembre

Il perché lo spiega la stessa ministra al ‘Sole 24 Ore del Lunedì’, chiamando a supporto i numeri ufficiali sui supplenti. Al 30 settembre 2019 risultavano sottoscritti 109.195 contratti a tempo determinato (27.563 fino al 31 agosto e 81.632 fino al 30 giugno), di cui oltre 44mila sul sostegno. E quest’anno, secondo Azzolina, ci assesteremo su numeri analoghi se non più bassi.

Se è vero che il concorso straordinario da 32mila cattedre (riservato ai precari non abilitati con 3 anni di servizio negli ultimi 12) si svolgerà solo in autunno, per effetto di una modifica introdotta al Senato al decreto Scuola su input dei sindacati che nel frattempo hanno proclamato per l’8 giugno uno sciopero, a settembre ci sarà uno strumento in più per fronteggiare il boom di supplenze: la “call veloce” che “ci permetterà di distribuire a livello nazionale le immissioni in ruolo rimaste vacanti”, chiarisce Azzolina.

Il sondaggio che boccia Azzolina

Le cattive notizie per la ministra Azzolina però arrivano dai sondaggi. Sarebbe lei, secondo quanto riportato dal Giorno, la più impopolare del governo Conte. Il sondaggio commissionato ad Antonio Noto sostiene che la ministra Lucia Azzolina non abbia mai superato il 30% di consensi per la gestione della situazione durante l’emergenza coronavirus. E in questi ultimi giorni il suo consenso ha toccato il minimo storico. Appena il 23% degli italiani è favorevole alla chiusura degli istituti fino a settembre: poco più di 2 su 10, mentre il 57% afferma  che le scuole avrebbero dovuto già riaprire a inizio maggio. Non solo gaffe, dunque…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Caterina Trovato 24 giugno 2020

    gia’ l’esordio:”vorrei avere tutti i ddocenti……” è borioso, il che mal si accorda con la cultura. Quando tornerà questa parola nelle istituzioni preposte alla nostra povera scuola?

  • Gabriella M. 23 giugno 2020

    Lucia Azzolina è odiata da tutti gli insegnanti perchè ha imposto una metodologia che non era neanche accreditata mentre ciò è vietato dall’articolo 33 della Costituzione. La DaD è stata una pietosa compensazione dell’incapacità del MIUR, è stata svolta a spese delle famiglie e dei docenti. Le scuole attualmente sono rimaste esattamente come erano alla data del 6 marzo. Ieri sono entrata nella mia scuola: tutto è stato lasciato esattamente così come era, una scuola sporca, con mucchi di oggetti accatastati, piena di polvere e ancora con i pezzi di scotch attaccati sulle porte, abbandonata. Voglio far sapere a tutti come sono le scuole nelle quali i vostri figli trascorrono ore ogni giorno, in locali dove mancano detersivi, carta igienica e l’igiene basilare. Questo è il motivo per cui le scuole sono state chiuse per tanto tempo: per nascondere le condizioni in cui si trovavano, sapendo che era impossibile rimediare all’ improvviso. L’invenzione della Didattica a Distanza è una pietosa bugia. Sappiate che da 40 anni gli studi seri internazionali stanno cercando di dimostrare l’efficacia della didattica digitale e il risultato è: ai fini dell’apprendimento secondo le neuroscienze l’efficacia è NULLA. La verità: milioni sprecati per favorire certi settori di vendita e non per assumere insegnanti giovani e personale ATA.

  • Placido Cannizzo 5 giugno 2020

    Il mal contento e di quelli che la scuola la usano per un parcheggio

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica