Zaia furioso: ora basta, denuncio il governo. Se non lo modificano, porto il Dl Rilancio in tribunale

venerdì 22 maggio 13:03 - di Redazione
Luca Zaia foto Ansa

Il governatore del Veneto, Luca Zaia, non ci sta. E dall’alto del suo posto di comando regionale, dopo aver traghettato il veneto e i suoi cittadini fuori dalla pandemia e dalla crisi, attacca il governo. E lo fa frontalmente. «Hanno fatto un decreto. È diventato legge. E poi, per la prima volta nella storia della Repubblica Italiana, con un comunicato, pubblicato in Gazzetta lo correggono. Se non lo modificano d’ufficio io lo farò modificare a un tribunale perché io questo decreto lo impugno».

Zaia non ci sta, impugna il Dl Rilancio: «Se il governo non lo modifica lo porto in tribunale»

Non usa mezzi termini il governatore del Veneto Luca Zaia che, ospite di 24 Mattino su Radio 24, rilancia pure: «In questo decreto il Veneto è sparito come zona rossa: noi abbiamo avuto 1.820 morti, quasi 4.500 ricoverati e siamo stati martoriati. Non esiste che il Veneto sia fuori dalle zone rosse. Scommettiamo che risolvono il problema prima che arriviamo in tribunale?». Non solo. Sempre per quanto riguarda la Regione Veneto, Zaia spiega anche: «Il trend è incoraggiante. Però è anche vero che una rondine non fa primavera. I dati di laboratorio di ieri sera sono incoraggianti. Continuiamo a fare i tamponi, ma dobbiamo aspettare ancora un po’ per dire che siamo indenni dal virus».

Poi rincara la dose: «Serve una totale riforma dello Stato in senso federalista»

Quindi, «nel fine settimana – annuncia – firmo un’ordinanza che affronterà vari temi tra cui quella di dare una risposta alle famiglie che con la riapertura si trovano il problema della gestione dei minori. Il problema – specifica poi – riguarderà la fascia d’età 0-17 anni». E sulla gestione dell’emergenza aggiunge: «L’Italia resta l’ufficio complicazioni affari semplici. Bisogna ridurre le catene decisionali e decidere una volta per tutte di uscire dal medioevo dato dal centralismo e passare al nuovo rinascimento che è dato da un Paese moderno con il federalismo e l’autonomia. Che non rappresentano sottrazione di potere, come la vedono a Roma, ma assunzione di responsabilità da parte dei territori. E con il coronavirus lo abbiamo dimostrato. Questo Paese, con le potenzialità che ha, può imboccare un nuovo corso passando a una totale riforma dello Stato in senso federalista».

Sul caso Lombardia: Zaia solidale col collega Fontana

Sul caso Lombardia, Zaia è solidale con il “collega” Fontana. «C’è un attacco da parte di qualcuno che vede l’autonomia come una riduzione di potere. Una visione che non ha nessun futuro. Non c’è un problema di attacco al nord. C’è un problema di qualcuno che non ha capito in che epoca sta vivendo. Solidarizzo assolutamente con la Lombardia. E lo dico da una Regione che ha titolo di parlare di coronavirus. La Lombardia ha avuto un’ondata di contagio da paura: fare polemica sui morti e sulle disgrazie delle persone è sempre squallido».

Sulla manifestazione del centrodestra unito: una dimostrazione di libertà e democrazia

Per quanto riguarda invece la manifestazione del centrodestra unito fissata per il 2 giugno a Roma, Zaia afferma: «Siamo in un Paese libero e democratico per cui tutto quello che è manifestazione civile, democratica e rispettosa, penso che non sia un problema». E sulla popolarità che per alcuni prelude a una futura leadership nella Lega, assicura: «Non esiste alcuna possibilità che io abbia dei progetti a livello nazionale per una premiership. La mia casa è il Veneto e resta il Veneto».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica