Vergogna Pd-M5S: migliaia di euro per i voli in business class dei ministri infilati nel Dl rilancio

mercoledì 27 Maggio 11:25 - di Alberto Consoli

Migliaia di euro per i voli in business class dei ministri sono uno schiaffo agli italiani vittime di coronavirus: nella duplice valenza, sanitaria ed economica. A Quarta Repubblica Nicola Porro Mario Giordano hanno rivelatao quella che appare una vera e propria vergogna: hanno tirato fuori le carte con il dettagio dei voli in business class, dei pasti e dei pernottamenti . Nella relazione tecnica del Dl Rilancio si fa esplicito riferimento alle spese ipotizzate dal governo per i trasporti e i viaggi dei propri membri.

Nel documento mostrato durante la trasmissione si vede la cifra messa nero su bianco per i voli andata e ritorno in business class: 2.500 euro a testa, per 40 viaggi: un totale di 100mila euro messe in conto a noi contribuenti su 233mila euro totali per l’intero “pacchetto missioni”. Inutile aggiungere che sui social durante la trasmissione si è scatenata una rabbia incontenibile. Non bastasse il volo d’oro di Stato Napoli-Roma del ministro Bonafede…

I commenti sui social a questo scempio sono irriferibili. Il decreto Rilancio doveva contenere i bonus alle imprese, i finanziamenti per la ripresa delle realtà produttive; le sovvenzioni dirette e indirette per commercianti e imporenditori, gli sgravi fiscali. Che il Dl Rilancio si sia trasformato in un assalto alla diligenza è una macchia indecorosa. Un insulto vero e proprio a chi soffre e  che non vede ancora la luce alla fine del tunnel. Tra gli insulti del telespettatori – nei “giornaloni” la notizia non ha avuto molto successo-  si fa strada l’ironia che per fortuna non manca mai agli italaini: c’è chi consiglia a chi governa di viaggiare non in aereo ma  in monopattino, visto che  “c’è pure l’incentivo”). Chiosa Giordano: “Questo metodo di leggi che nascondono i decreti, nascondono spesso la fregatura per gli italiani”. Proprio così.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *