«Silvia Romano l’abbiamo “educata”»: delirio nella comunità islamica. Esposto di FdI (video)

sabato 16 maggio 16:26 - di Sveva Ferri
silvia romano

“Parole del genere non sono in alcun modo accettabili, istigano all’odio e sono gravemente offensive della libertà, della dignità delle donne e delle persone. L’uomo non può rimanere in Italia libero come se nulla fosse”. FdI ha presentato un esposto ai carabinieri e un’interrogazione parlamentare sul caso delle sconcertanti parole pronunciate da un esponente della comunità islamica di Roma a proposito della vicenda di Silvia Romano. L’uomo, “a quanto appreso – spiega FdI – è un personaggio molto influente all’interno della comunità islamica”. Per lui Silvia Romano sarebbe stata “educata” dai suoi carcerieri, che non sarebbero terroristi, ma “persone che fanno la preghiera”.

Silvia Romano? “Quando le rapiamo, le educhiamo”

“Ma quali terroristi? I terroristi siete voi che buttate le bombe sopra i bambini”, ha detto l’anziano, sostenendo che Silvia Romano “è stata trattata come una signora”. “Quando le rapiamo noi, non le violentiamo. Noi insegniamo, le educhiamo“, ha proseguito, evidentemente associandosi per lo meno moralmente ai terroristi rapitori. Ma a pensarla così non è solo lui. Nel servizio realizzato dal Giornale all’interno della comunità islamica di via della Maranella, nel quartiere Tor Pignattara, dove sorge una moschea, anche un altro esponente della comunità islamica locale sostiene che “lei si è trovata bene, le hanno toccato il cuore”. Perché – è il leitmotiv anche di altre interviste – “nell’Islam non esiste la costrizione”. “Secondo me, questa ragazza ha sentito la mancanza di spiritualità nella sua ex fede e allora l’ha lasciata”, ha sostenuto un altro frequentatore della moschea.

Donzelli: “È istigazione alla violenza e al terrorismo”

Il servizio è andato in onda anche nel corso della trasmissione di Rete4 Dritto e Rovescio, nella quale era ospite il deputato di FdI Giovanni Donzelli. È stato proprio lui a presentare l’esposto ai carabinieri, dopo aver replicato in diretta che l’uomo che ha parlato della (ri)educazione di Silvia Romano “andrebbe arrestato per istigazione alla violenza e al terrorismo“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • eugenio.alipede57@gmail.com 19 maggio 2020

    Ragazzi questo ha ragione, la ragazza ha sentito la mancanza prirituale della sua ex fede, perche’ chi dovrebbe confermarla ha tradito. Questo barbone giustifica che le ragazze possono essere rapite. Ma dove sono le anime belle delle femministe de noiatri. Il guru va’ estradato subito, prima he ce ne pentiamo.

  • biagio 17 maggio 2020

    Per le donne che non l’avesse capito questi tra qualche giorno vi metteranno il velo a tutte.
    Ci sono diversi proverbi napoletani che calzerebbero perfettamente alla situazione:
    Padron e cas jesce fore (padrone di casa esci fuori);
    Sì trasut’e sicc’ e te sì mis’ é chiatt (sei entrato di fianco e ti sei subito allargato).
    Continuando ad accogliere senza regole serie e chiare, regalando cittadinanze, questa è la fine che faremo.
    Forza Pidioti che ci siamo quasi.

  • Silvia Toresi 17 maggio 2020

    Una persona rapita e terrorizzata può scegliere?

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica