Rampelli: «Silvia Romano? Una bella persona, un esempio. Basta ironie sulla sua conversione»

lunedì 11 maggio 16:31 - di Redazione

“Se avessi 20 anni vorrei studiare e laurearmi, perché la cultura rende liberi, vorrei fare sport perché insegna a riconoscere i propri limiti e a sacrificarsi per superarli, trasmette la lealtà, il culto per la cura del proprio corpo e del proprio spirito, vorrei dedicarmi alla comunità cercando con la passione e l’amore di rendere il mondo migliore. Vorrei aiutare i più deboli, in particolare quegli innocenti bambini in stato d’abbandono, in Italia e fuori dai nostri confini. Vorrei portare conforto ai popoli più sofferenti e disperati, spegnere incendi appiccati da speculatori, pulire spiagge, strade, parchi, portare aiuto alle popolazioni colpite da terremoti e frane”. È quanto scrive sulla sua bacheca Facebook il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Silvia un esempio per i giovani

“E se mi fossi trovato in difficoltà all’epoca delle ribellioni in Romania o dei conflitti in Slovenia, Croazia, Bosnia, Kossovo, Sahara Occidentale o delle missioni in Nigeria e Argentina, come accaduto a tanti ragazzi che hanno animato le scelte non conformiste dagli anni ‘90, avrei voluto sentire la presenza dello Stato italiano dietro di me. Avremmo desiderato che l’Italia si battesse per noi. Silvia Romano ha 24 anni, coltiva la passione per la ginnastica artistica, ama il volontariato ed è partita due volte da sola per andare a sostenere progetti per l’infanzia in Africa, al servizio di bimbi orfani. Donna, ragazza appena laureata… Un esempio per i nostri ragazzi”.

Basta critiche da benpensanti piccolo-borghesi

“Non mi piacciono – ha osservato- quei benpensanti piccolo-borghesi che non ne criticano la scelta coraggiosa, forse perché non hanno mai avuto lo stesso coraggio e la catalogano nel recinto ideologico dei comunisti trinariciuti, sicuramente amici degli scafisti e dei trafficanti di uomini. Che ironizzano sulla conversione all’Islam trascurando la condizione umana e psicologica che l’ha travolta nei 18 mesi di prigionia”.

“Non m’interessano le idee politiche di Silvia Romano, né la sua fede religiosa.
Si tratta di una bella persona e lo Stato italiano ha fatto bene a lavorare per liberarla”.

“L’unica osservazione critica – ha concluso Rampelli- la faccio a Conte e Di Maio. Che bisogno c’era, soprattutto se fosse stato pagato – come pare – un riscatto, di enfatizzare la notizia del ritorno in patria e in famiglia di Silvia? Se si deve giocare sporco per salvare una ‘figlia d’Italia’ lo si faccia sempre e con decisione, ma senza farsene vanto. Tutto qua”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • MARCELLO 13 maggio 2020

    Sono un uomo di maturo, non gravito nell’area dell’on. Rampelli, ma riconosco il suo coraggio in quello che ha scritto insieme a quello che Francesco Storace e l’On. Crosetto hanno detto sul tema. Coraggio inteso come capacità di esprimere un pensiero non in linea con il pensiero dominante in questo momento nel suo ambito politico. Forse la destra in questo momento ha bisogno di tanti Rampelli Crosetto e Storace.

  • Paolo 13 maggio 2020

    Silvia un esempio per i giovani ?
    Squinternati da vomitare !!
    Abbiate un minimi di decoro e chiedete scusa pubblicamente agli Italiani per le follie e la propaganda nauseabonda alle ONG e l’estrema sinistra ! Non c’e’ limite al peggio, l’unico giornale di destra che si perverte all’ideologia di sinistra !

  • Giampiero Pallotta 13 maggio 2020

    Silvia Romano e’ ritornata in Italia senza sventolare la bandiera italiana. Ora si chiama AISHA che in arabo significa VIVA. Aisha e’ stata la piu’ importante sposa di Maometto.

    Tra le tante, un’altra cosa RIDICOLA di Giuseppi e Giggino che si vogliono prendere i meriti di una storia alquanto OSCURA. Non fa “strano” che questa ragazza e’ partita cattolica e torna “mussulmana”? E giu’ in tanti a batterle le mani compreso il Prete del suo quartiere che ha sciolto le campane. Che cosa di straordinario ha fatto la Romano? E poi ha gia’ dichiarato che vuole ritornare in Kenya perche’ afferma di essere stata trattata bene!?! Tutto questo non suona strano? La vice ministra degli Esteri Marina Sereni dai microfoni di Omnibus su la7 ammette: “C’è stata una cooperazione con i servizi turchi presenti in quell’area che è stata “determinante” per identificare il luogo e agire al momento giusto per liberare Silvia Romano” Quindi gli 07 italiani non c’entrano nulla. Per salvare la vita di una nostra connazionale, si può e si deve anche scendere a patti con personaggi che fanno sfregio quotidianamente di diritti e vite umane. Stiamone certi pero’ che il “Sultano” Erdogan passerà all’incasso. Gli sembreranno “pochini” i 4 milioni gia’ incassati per il riscatto.

  • Roberto 12 maggio 2020

    Ottimo articolo … Perfettamente in linea con il mio pensiero. … Purtroppo molti sono perennemente in cerca di un capro espiatorio per coprire personali lacune e fuggire al confronto, al proprio malessere agendo sempre e solo dominati dall’istinto per difendere il proprio pseudo benessere.

  • Pino 12 maggio 2020

    Esistono persone il cui fetore riesce ad inquinare molto più di una nazione ! I due marò sequestrati ed ancora prigionieri dello stato del cheralat sono figli di chi? Erano stati mandati, ordinati al servizio ! Questa sceglie dove andare a guadagnare, nei posti e lei più congeniali. Gli piace dove e’ andata, si coordina talmente bene ai suoi ‘sequestratori’ da sposarne usi costumi religione, torna bella in carne. Tutto bene, scelte sue, affari suoi e tali dovevano restare! E gli italiani ne devono pagare il riscatto per finanziare quelle forze che ci combattono? Si, c’è puzza proprio di m…. ! E mi scuso con il concime !

  • Maddalena Cuscé 12 maggio 2020

    Buongiorno, Direttore.
    Bellissime parole, quelle dell’onorevole Rampelli, che denotano molta e ammirevole sensibilità sociale.
    Ho solo una domanda: proprio perché ha subito sicuramente l’inimmaginabile nelle mani di fanatici, cosa è rimasto di Silvia, “figlia d’Italia”? Lo è ancora? Me lo auguro con tutto il cuore.

  • otello pedini 12 maggio 2020

    Totalmente in disaccordo! Mi dispiace vedere anche qui lagne politicamente corrette, Il sono un benpensaqntye piccolo borghese e mi onoro di esserlo, alla faccia dei buonisti di tutti i colori

  • FRANCO ZANINI 12 maggio 2020

    Il Secolo d’Italia si autodefinisce il quotidiano della Destra Italiana.Lo era.Dopo l’infortunio Silvia Romano,per oscuri motivi grazie a Rampelli,diventa una importante risorsa per le ONG e la speculazione dell’immigrazione clandestina.Avevo proposto il mio nome per le Amministrative 2020,a questo punto scappo via di corsa! Non dimenticate che i sondaggi,che attualmente vi premiano,possono velocemente invertire tendenza,cosa che avverrà dopo questo infortunio.

  • Eugenio Alipede 12 maggio 2020

    Ma ti sei bevuto il cervello? Vallo a dire ai 143 ragazzi cristiani uccisi dai suoi amici. Da voi non me lo sarei mai aspettato. Che il Signore vi perdoni.

  • luigi perna 12 maggio 2020

    Chi dice queste parole dimostra una ignoranza storica colossale, oltre a una povertà spirituale gravissima per chi è stato eletto nelle file di tale partito. Esempio di limitate di un radicalchic travestito.

  • Francesco 12 maggio 2020

    Salve direttore, mi meraviglio di lei. Questo è un articolo che mi sarei aspettato di vedere su Repubblica piuttosto che sul Secolo d’Italia. Mi auguro che questo virus non faccia assumere ai politici di Fratelli d’Italia le fattezze del presidente della Camera Fico, più viciono a LeU che al M5S. La vicenda di Silvia Romano è alquanto vergognosa e indegna di ricevere commento alcuno. Biosogna stendere soltanto un velo pietoso su questo salvataggio stile ONG, rivolto in questo caso a una persona che non mi pare volesse essere salvata e che abbia fatto tutto in piena coscienza e capacità di intendere e di volere. Senza parlare dei 4 milioni regalati a dei criminali sconosciuti, fantomatici sequestratori. Chi sente la necessità di fare del bene lo faccia in Italia, nazione che soprattutto in questo periodo non deficita di persone bisognose. Un saluto

  • Visitatore 11 maggio 2020

    Con questo articolo è con l’intervista a Storace avete guadagnato punti ai miei occhi.
    Dovreste considerare un riposizionamento rispetto alla lega e alla gretta propaganda anti immigrati indiscriminata. Non è necessario essere beceri per essere destra. Al contrario anzi, l’élite non è becera, la destra non può essere gretta e ignorante.

  • Francesco Ciccarelli 11 maggio 2020

    La penso diversamente sulla conversione di Silvia Romano: mi preoccupa perché potrebbe dimostrare che i terroristi riescono a plagiare gli ostaggi. Così sarebbe confermato il pericolo del proselitismo islamico.

  • Kino 11 maggio 2020

    Siamo fottuti !

  • COSIMO FERRARESE 11 maggio 2020

    Se ho capito bene questa si è fatta rapire dai suoi amici – tanto è vero che uno dei carcerieri frequentava villaggio dove viveva lei – per finanziare l’estremismo islamico con con i nostri soldi – mentre non ci sono soldi per garantire il diritto al lavoro degli italiani -; si é convertita all’islam, riconoscendo che avevano ragione i sui rapitori, e noi siamo contenti di tutto questo?!

  • FRANCO 11 maggio 2020

    Ho diversi dubbi/sospetti soll’operato di queste “suore laiche” che si rinnovano sopratutto quando il cerchio si chiude attraverso “finanziamenti” . Ma per cosa e a chi ?

  • Veritas 11 maggio 2020

    Vergognatevi.

  • Darkbaronx 11 maggio 2020

    Rampelli purtroppo “stordito” assieme al Direttore del Secolo d’Italia creano vergogna per FdI e sopratutto i suoi militanti : Gettano fango sulla Destra se dopo le loro asserzioni dovute ad ingenuita’ ed emotivita’ sulla liberazione di una evidente militante di estrema sinistra, non chiarissero che le loro affermazioni sarebbero SOLO A TITOLO PERSONALE !

    Silvia Romano era ed e’ un’appartenente militante in “Emergency” , ONG di matrice sovversiva 100% politica di sinistra che agisce a fini politici per “conto terzi” :Finanziatori 100% socialisti ed eretici catto-comunisti (cosi detta religione umanitaria AntiCristica) della ricca borghesia TEDESCA e nostrana che in cambio di MILIONI DI EURO ,perseguono precisi fini politici sovversivi, comunque sempre a danno diretto o indiretto d’Italia.

    Emergency e le altre ONG ,altro non sono che MERCENARI al soldo della cosi’ detta “Internazionale Socialista” e nascondendosi sotto un candido velo di organizzazioni umanitarie , perseguono la distruzione socio-economica di determinate Nazioni, Italia in testa con OLTRE UN MILIONE di clandestini con ZERO DIRITTI AD ENTRARE, PORTATI CRIMINALMENTE IN ITALIA : Essi portano il degrado, l’incivilta’ e la miseria Africana DENTRO le nostre citta’ ,dentro casa nostra, l’Italia !
    Lo Stato Italiano nelle mani di mostri indegni socialisti ,depravati, paga quasi 10 MILIARDI DI EURO per sollazzare e mantenere tale mole abominevole di illegittimi clandestini, deprivando invece propio GLI ITALIANI di tali risorse essenziali, lasciandoli al suicidio !!
    L’umanita’ a due facce:Compasionevole e mostruosamente sbilanciata con stranieri trogloditi e clandestini,criminali con zero diritto ad entrare, “filantropia” pressoche’ inesistente con la gente Italiana sprofondata nella piu’ tragica miseria, vergognosamente priva addirittura della possibilita’ di comprare cibo o medicine !

    MILIONI DI ITALIANI RIEMPIONO LE CARITAS IN CERCA DI CIBO, BESTIE ONG E STATO ITALIANO, NEMICO DEL SUO STESSO POPOLO,S’INTERESSANO DEL MANTENIMENTO PERPETUO DEI CLANDESTINI PORTATI IN ITALIA (non facendo loro mai mancar nulla !!), TENTANDO DI PORTARNE ALTRI E DI INVIARE RISORSE VERSO PAESI ISLAMICI INTEGRALISTI .
    Inoltre : NON e’ stato un caso che lo Stato Italiano in mano ad usurpatori sovversivi,sia riuscito a dirottare MILIONI di Euro per la liberazione dell’estremista di sinistra Silvia Romano ,militante Emergency: Come sempre , SOLO gli appartenenti a tali organizzazioni sovversive 100% di sinistra ,riescono a smuovere immense risorse pubbliche,Statali, a promuovere campagne mediatiche costosissime per raggiungere i propi fini, in questo caso la liberazione di una loro militante (vedasi ancora ad es.il militante estrema sinistra >> Egiziano<< ZAKY, con comizi e coinvogimento / patrocinio addirittura del comune di Bologna (!) con raccolta di finanziamenti enormi ai fini del pagamento spese legali) .
    DECINE E DECINE sono i cittadini ITALIANI sequestrati all'estero o di cui se ne sono perse le tracce ma, non essendo militanti di sinistra, non avrebbero "diritto" ad essere considerati,ad essere "ricordati" dall'attuale Governo-mostro socialista : Una vergogna vomitevole , incancellabile.
    A fronte dello scandalo di quanto accaduto , mostruose le parole del Rampelli e a ruota ,del Direttore Secolo d'Italia : Da brividi, l'Italia e parte di chi dovrebbe risollevarla (solo la Destra SOCIALE) ha perso completamente i sensi, il collegamento con lavera verita' ,con la realta' delle cose nascosta DIETRO alle apparenze.
    Non c'e' limite al peggio.
    Italia senza una Destra Sociale "d'acciaio" ,ancorata alla coerenza ,all'MSI e quindi ai valori "Dio-Famiglia-Patria" razionalita', non si risollevera' mai piu'.

    • Francesco Storace 20 maggio 2020

      So vergogni chi ruba

  • Michela 11 maggio 2020

    Grazie, erano queste le parole che volevo sentire “da destra”.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica