Quelle due o tre cose rivoluzionarie che il governo non ha voluto fare

lunedì 4 maggio 6:00 - di Francesco Storace

Si potevano fare due o tre cose….Chi paga, si chiede il commerciante che non vede un euro da mesi? Domanda ovvia, giustificata, dal momento che adesso per riaprire il ristorante o qualunque altra delle attività “consentire” da sua maestà il premier c’è da “sanificare”. Ad esempio, mettere a tavola il plexiglass e chissà che altro per consentire di mangiare al ristorante alla metà dei clienti di prima. C’è il rischio concreto di non vedere più una banconota da riscuotere…

No, non c’è cervello nelle troppe task force che dimenticano quanti sacrifici stanno facendo quelli che mandano avanti l’Italia ogni giorno. E che adesso sono schiantati da una burocrazia sempre più odiosa. A Roma si dice che comanda chi si alza prima la mattina…

Due o tre cose da fare

Sul lavoro (degli altri) ogni giorno una “regola” nuova. Cominciarono con la privacy e adesso ci mancava il coronavirus.

Un documento dell’associazione italiana dottori commercialisti elaborato in questi giorni spiega invece che il governo avrebbe potuto mettere a punto iniziative serie proprio in questo periodo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • eddie.adofol 22 maggio 2020

    PREPARARSI ALLA GUERRA CIVILE RAZZISTI E SOVRANISTI PERO’ ITALIANISSIMI – CONTRO FASCISTI ROSSI E ANTI ITALIANI – FACCIAMOLA QUESTA BATTAGLIA E CHI VINCE SI PRENDE TUTTO IL CUCUZZARO – I SINISTRI SONO ABITUATI ALLA BATTAGLIA POI VEDIAMO QUESTE SARDINE – GIROTONDI – FEMMINISTE E PURE GIORNALISTI/E – SE AVRANNO CORAGGIO DI COMBATTERE CON LE ARMI IN PUGNO- CE’ UN’ALTRA SOLUZIONE UN REFERENDUM E SCEGLIERE TRA LA MONARCHIA E QUESTA Repubblica DI PARASSITI PERDENTI CHE STANNO SEMPRE AL GOVERNO —–

  • GIORGIO MARIA BORGATO 5 maggio 2020

    Questo articolo , firmato Storace , ma ho i miei dubbi , è veramente illeggibile . Una sfilza di nenie senza nessuna incisività . Oltre al titolo accattivante , il nulla .
    Ormai leggerò solo quelli di Gasparri , non un gran letterato , ma che rinuncia volentieri alle frasi ad effetto e dice le cose che bisogna dire , pura e utile informazione .

    • Francesco Storace 6 maggio 2020

      Anche io

  • Nicolo' 4 maggio 2020

    E’ per queste ragioni qui che bisogna picchiare duro sul governo.
    Questi ci stanno uccidendo. E non e’ che non lo sanno, e’ una precisa scelta politica, vogliono DISPORRE di un popolo di affamati e bisognosi che hanno necessita’ di elemosine di ogni tipo , dei sudditi cui portare via tutto.
    Persone capaci, imprenditori in forma, danno loro soltanto fastidi. Un cretino deve circondarsi di cretini piu’ grandi di lui , senno’ come fa a stare in piedi ?
    Altro che il momento dell’Unita’, e’ il momento di far votare ricette alternative. E deve essere il Centrodestra a presentarle UNITO. Non con apparizioni sporadiche dei suoi leader che parlano senza neanche consultarsi. Cosi’ non puo’ funzionare.
    Chiedo a FDI, ma la vogliamo vincere questa battaglia ? O continuiamo cosi’ ? Non e’ una domanda da poco. Il futuro dipende anche da questa risposta.

  • Francesco Ciccarelli 4 maggio 2020

    Parlando d’altro, sarebbe anche opportuno verificare l’agibilità delle scuole e ristrutturare gli edifici, dove occorre, quindi bonificarli nei mesi prima della prossima riapertura ecc.

  • roberto rossi 4 maggio 2020

    da alcuni giorni non commento, però noto la vostra costante opposizione alle decisioni che vengono prese.
    Il perdurare del vostro atteggiamento rassicura chi deve gestire questo travagliato paese che stanno facendo la cosa giusta.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica