Prove tecniche di regime: a Roma manifestanti trattati peggio dei mafiosi

domenica 17 maggio 12:11 - di Carlo Marini

Uno spiegamento di mezzi così non si vedeva dagli anni di piombo. Le immagini che circolano in Rete il giorno dopo il flash-mob delle Mascherine tricolori (qualche centinaio di manifestanti) fanno impressione. E viste dall’alto rendono l’idea di una repressione smisurata. E immotivata. Decine di auto della polizia e dei carabinieri. Blindati e addirittura un elicottero. Il Viminale ha schierato un numero di uomini e di reparti spaventoso davanti ai pacifici manifestanti (tra loro molte donne). Gipponi, celerini, carabinieri in agenti antisommossa, Digos, funzionari in borghese. Mancavano solo Superpippo e gli Avengers.

Una “potenza di fuoco”, per dirla alla maniera del premier Conte, spropositata davanti a chi ha aderito alla protesta contro il governo. Hanno infatti risposto all’appello a ritrovarsi compostamente e nel rispetto delle prescrizioni in piazza del Popolo. A portare scompiglio, però, ci hanno pensato le forze dell’ordine. Come emerge dai video, con le loro camionette hanno sospinto i manifestanti uno verso l’altro mentre si dirigevano in piazza e alla fine manifestazione li hanno bloccati in una via laterale, provocando di fatto un assembramento.

ll racconto di uno dei manifestanti

“Avevamo dato pubblicamente appuntamento a commercianti, ristoratori, partite iva e lavoratori dipendenti in Piazza del Popolo a Roma. La protesta, come già avvenuto nelle settimane scorse era pacifica e i manifestanti, nonostante l’alta partecipazione, si tenevano a distanza di sicurezza. Mentre ci dirigevamo verso le macchine e le fermate metro più vicine – ha spiegato il movimento – siamo stati chiusi ad imbuto da due ingenti schieramenti di polizia e carabinieri in assetto anti-sommossa che hanno creato di fatto un assembramento”.

“Mai viste così tante forze dell’ordine a Roma, solo per tappare la bocca a chi protesta contro un governo abusivo che non dà risposte ai cittadini”, commenta l’autore di un video ripreso mentre la polizia ferma i “pericolosi” manifestanti.

“Le forze dell’ordine ci hanno chiuso la strada bloccando entrambi i lati con militari in assetto anti-sommossa. Chiedendo i documenti ai partecipanti e minacciando sanzioni e pene esemplari. Più che l’Italia – ha denunciato uno dei partecipanti – sembra la Cina”.

Neanche si può dire che siano stati trattati come mafiosi. Perché, di questi tempi, il governo li rimanda a casa. Tu chiamale, se vuoi: prove tecniche di regime.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • PIERINO 21 maggio 2020

    NON POSSIAMO CONTINUARE A SUBIRE QUESTE VIGLIACCATE, È ORA DI DARCI UNA MOSSA.

  • Carla 18 maggio 2020

    Perchè tutto questo dispiegamento contro i mafiosi? No questo governo è contro il popolo che manifesta civilmente! Cittadini che hanno perso il lavoro, e lavoratori che non hanno ancora la cassa integrazione!

  • Giovanni Marchetta 18 maggio 2020

    Il bastardo e infame Conte ha paura !!! Fa bene ad averla perchè gli manca sempre più il terreno sotto i piedi.Dove sono tutti quei miliardi di sostegno alle imprese e famiglie???? e la cassa integrazione???? Invece di fare il megalomane, il bastardo si crede un Dio in terra, farebbe meglio , prima di parlare a fare i fatti , invece di illudere la gente .

  • paolo 18 maggio 2020

    Bisogna presentare ufficialmente una mozione di sfiducia per il sedicente capo dello stato, ormai al di sotto di qualsiasi aspettativa e apertamente di parte, del tutto incapace di gestire una situazione nella quale doveva invece imporre la legalità democratica. Basta con i complimenti e le mezze parole, è lui il primo responsabile del golpe in atto da parte della feccia giallorossa.

  • rino 18 maggio 2020

    E chiaro, è la dimostrazione che la democrazia è solo sulla carta, almeno in Italia. La tanto osannata Costituzione è carta straccia. Non poteva essere diversamente con un governo composto da una sinistra, che si è sempre ispirata alla dittatura russa e cinese, e dai giustizialisti 5 stelle, amici dei cinesi.
    Non facciamoci illusioni, lo stato italiano è durato 150anni ed è cessato di esistere, di fatto, con il colpo di stato di Napolitano, dopo il quale non abbiamo più avuto governi eletti dal popolo.
    L’atto di forza in questione, è motvato dal fatto che queste manifestazioni sono etichettate come fasciste, perché non organizzate dall’area di sinistra.
    Mi dispiace per tutti noi, ma temo che gli italiani potrebbero passare a manifestazioni dove quello spiagamento di mezzi potrebbe essere giustificato.
    Cerchiamo di evitare e di organizzare manifestazioni gandiane, molto più efficaci e inattaccabili, organizziamo un boicottaggio duro contro questi atti autoritari di un governo fantoccio incapace.

  • Cervohold 18 maggio 2020

    Più che regolare, nella restaurata 21^ Repubblica Socialista Sovietica d’Italia possono manifestare, meglio se con violenza e danneggiamenti, solo i no tav, i centri sociali e i blak bloc…………..le persone oneste e laboriose mai; ancora meno se riconducibili a idee di centro-destra, siamo ancora come nel 1946, ci sono oggi delle pseude Istituzioni locali che chiedono la dichiarazione di antifascismo per accedere ai servizi pubblici.

  • Alessandro Cherubini 18 maggio 2020

    Pur stando sempre dalla parte delle forze dell’ordine, mi permetto questa volta di accusarle di delirio di onnipotenza. Se ci sarà stato un ordine superiore, che è arrivato dal Viminale, è comunque pensabile che gli ordini si possano eseguire in diversi modi. L’accanimento dimostrato dagli agenti in questa occasione, a mio avviso, sembra più il comportamento di chi si crede superiore al resto del mondo e che non debba rispondere alle stesse leggi che è chiamato a far rispettare. Purtroppo uno dei mali del nostro Paese è che chi indossa una divisa, qualunque essa sia, pensa di essere superiore agli altri. Non è così! Il fatto di trattare persone pacifiche che manifestano contro un governo che li ha messi alla fame, che non sa dare nessun tipo di certezza sul futuro, con una veemenza e superiorità che non si riscontra quando gli stessi agenti si trovano di fronte a veri criminali, quelli con la pistola e le bombe, non è ammissibile. Provino, qualche volta, quegli stessi tutori dell’ordine, a mettersi nei panni di chi è rimasto senza lavoro e non ha modo di dare un futuro ai propri figli (perchè questo governo non ci pensa davvero); è comodo parlare ed agire quando si ha uno stipendio statale in tasca, piccolo o grande che sia

  • federico 18 maggio 2020

    Ci sono stati troppi “benpensanti” che parteggiavano per gli elicotteri a caccia di possibili bagnanti sulla spiaggia (quanti ne hanno beccati in due mesi di lockdown? quanto è costata questa caccia all’uomo?) e insolentivano “l’incosciente” che appunto si sedeva sulla spiaggia. E insorgevano contro i quattro gatti in fila nelle anguste strade dei centri storici. Il Governo, o chi tira le fila, ha approfittato di questo clima, di questa frenetica “voglia di ordine”, da cui esponenti ed elettori di destra non sono stati immuni

  • Marco Terni 17 maggio 2020

    La VERITÀ deve emergere ad ogni costo, il popolo implora la VERITÀ.

    E se c’è qualcuno lavora col favore delle tenebre presto sarà smascherato.

    La VERITÀ TRIONFA SEMPRE.

  • giovanni fioravanti 17 maggio 2020

    Diciamo la verità: ci volevano motivazioni economiche per svegliare un po’ di gente. Finora tutti impassibili difronte all’oscenità di elicotteri che inseguono i bagnanti, persecuzioni staliniane e inviti alla delazione, megere che strillano dai balconi mentre un coglione governativo meditava di “proteggere” gli anziani murandoli vivi a oltranza e facendoli nutrire, come bestie allo zoo, da studenti volontari. Finora tutti zitti e il 60% degli eroici entusiasti degli arresti domiciliari che si masturbavano per le pochette di Conte e i suoi “io resto a casa”. comunque, meglio tardi che mai.

  • aldo 17 maggio 2020

    Siamo in un regime! Ci impongono uomini e donne incapaci ( azzolina, bonafede, toninelli,……..fiano, renzi, bellanova, etc….), ogni sera la coppia casalino conte ci rompe le scatole in tv per non dire niente. Di giorno non sanno fare niente, la notte meno! Poi ci danno la gruber e bonaccini con le annesse sardine.
    Dobbiamo ………. ( non voglio dire che cosa!!!!! )

  • Gesualdo 17 maggio 2020

    In tempi di Restaurazione,per la classe dominante e del pensiero unico di certa sinistra senza visione ideale e di società democratica del benessere,vessare il popolo che lavora,produce e vive di lavoro è naturale,perchè il Coronavirus è l’alibi della guerra sanitaria,che nasconde i ver profondi motivi delle intimidazioni delle parole scritte e orali dei politici,dei sindacalisti,dei cosiddetti progressisti,che di fatto,con parole ed opere,vogliono debilitare i lavoratori,la classe media e gli incapienti incolpevoli a vantaggio fi chi appartiene ed agisce a nome del Potere finanziario,dei tecnocratico dei mercatidell’£informazione becera e di falsità,della Burocrazia,che ostacola l’esercizio economico a favore della distribuzione equa e meritocratica della ricchezza della Nazione.E,la ciliegina sulla torta:l’insicurezza nelle case,sulle strade l’amnistia mascherata della scarcerazione di boss mafiosi provenienti dal 41bis,per evitare il contagio Coronavirus! Fanno finta di non sapere che la cella di isolamento da tutto e tutti e meno sicura dell’abitazione civile fi proprietà loro,giusto subito dopo la rivolta di decine e decine di carceri,i cui detenuti si sono arresi,dopo che qualcuno, autorevole esponente-yrattante la resa,lo avrebbe rassicurato sulle le loro richieste.Questi sono i detti della nostra Repubblica,oggi fondata sulla corruzione,la disoccupazione,la violenza fisica e morale,l’insicurezza, le bugie della Stampa scritta e non, il controllo sociale tecnologicamente fi nuova de-generazione.Occorre indignazione morale e politica,della polis!

  • Jose Alessi 17 maggio 2020

    Se non è questa Dittatura che cosa è?

  • Maria Grazia Miccheli 17 maggio 2020

    Nemmeno negli anni di piombo, all’università ho visto un tale spiegamento di FF. OO. Contro Cittadini che camminavano cantando l’inno nazionale e tenendosi a distanza.
    Qualcuno imita Macron?
    L’Italia come la Cina?
    Spero che contro le mafie nigeriana, cinese ecc. gli interventi siano proporzionati al vulnus giuridico.
    E’ reato cantare l’inno nazionale mentre si cammina?
    E’ reato indossare una mascherina tricolore?
    Mah

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica