Incendia casa e tenta di accoltellare un agente. L’ira dei poliziotti: «Sul taser solo parole»

lunedì 11 maggio 15:04 - di Redazione
poliziotti

I poliziotti non ne possono più dell’indifferenza del governo. Panico in un appartamento in zona Fidene, a Roma. Un poliziotto è stato aggredito con un coltello. Per questo un suo collega, intervenuto sul posto, ha esploso un colpo di pistola alla spalla dell’aggressore. Ferendolo e così salvando il poliziotto che era per primo intervenuto sul posto.

Poliziotto aggredito

Gli agenti del Reparto Volanti e i colleghi del commissariato Fidene erano giunti in via Valsavio, in ausilio dei vigili del fuoco, per un incendio. Arrivati nell’appartamento un 60enne si è scagliato contro di loro con un coltello tentando di colpire un poliziotto. A quel punto un collega ha esploso un colpo che ha ferito il 60enne alla spalla. L’uomo, dopo essere stato bloccato, è stato trasportato all’ospedale Pertini in codice giallo. Sarà arrestato per tentato omicidio. I poliziotti hanno scoperto che l’uomo ha anche appiccato l’incendio volontariamente.

L’ira dei poliziotti: «Basterebbe il taser»

La vicenda ha scatenato l’ira dei poliziotti. «Ieri notte a Roma l’ennesimo intervento che, solo grazie alla professionalità dei poliziotti, non è finito in un dramma. È addirittura oltraggioso per l’intelligenza comune dover ripetere come questo tipo di situazioni si potrebbero risolvere presto. Bene, senza rischi eccessivi. E senza che personale in divisa e cittadini sfiorino la morte inutilmente. Solo grazie a un banale strumento come il taser». Così Valter Mazzetti, segretario generale dell’Fsp Polizia di Stato. «Eppure di questo magico e straordinario oggettino da pochi euro ancora neppure l’ombra».

«I poliziotti non hanno risposte dallo Stato»

E poi ancora. «Dopo anni e anni di chiacchiere, sperimentazioni, spot politici, ancora i poliziotti devono decidere in una frazione di secondo se morire, lasciar morire. Oppure finire probabilmente alla gogna, o girarsi dall’altra parte. Perché gli apparati politici e burocratici non sono in grado di fare il loro dovere fornendo gli strumenti necessari per fare sicurezza». Sulla vicenda interviene Sulla vicenda è intervenuto anche Massimo Nisida, segretario provinciale Fsp Roma. «L’emergenza Covid 19 – ha detto – è una scusa preziosa per far cadere nel dimenticatoio necessità ormai storiche. Ma che rappresentano sempre e comunque un’emergenza». Nisida ha sottolineato che lo Stato non dà un’adeguata risposta. «Prima di tutto morale, di tutelare la vita dei propri servitori».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sessantottinodidx 11 maggio 2020

    È ancora libero? Parlo del poliziotto che ha sparato, ovviamente!

  • fazio 11 maggio 2020

    secondo il mio punto di vista il poliziotto ha fatto bene a sparare solo che adesso qualche magistrato lo accuserà di eccesso di legittima difesa.
    E’ UN COPIONE GIA VISTO.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica