Il selfie della Azzolina con Diego Fusaro. Rispunta una vecchia foto che imbarazza la ministra

martedì 19 maggio 16:11 - di Redazione

Diciamolo subito: il selfie di Lucia Azzolina, ministro della Pubblica Istruzione, insieme a Diego Fusaro, filosofo sovranista, è di un anno fa. Lo aveva postato su Instagram la stessa Azzolina con questo commento: “Colazione ricca di contenuti filosofici con Diego Fusaro. Bisognerebbe iniziare tutte le mattine così”. Ma ha ripreso a circolare in queste ore sui social.

Si vuole così gettare un’ombra sulla ministra Azzolina, grazie a quel vecchio eretico accostamento, poiché Fusaro non è certo personaggio gradito all’establishment. Uno che spara a zero contro l’attuale governo e che, soprattutto, non ha mai digerito la simbiosi M5s-Pd. Fusaro, sovranista e antieuropeista incallito, da tempo non mostra più alcuna indulgenza verso il M5S.

In verità non c’era bisogno di scomodare un vecchio selfie per criticare la Azzolina, le cui poche e confuse idee sulla scuola e soprattutto sugli esami in questi tempi emergenziali bastano e avanzano per formulare un giudizio sul suo operato. Ma il selfie fa schizzare in tendenza su Twitter la combinazione inedita: il filosofo e la ministra. Roba da dimissioni immediate, tuona il popolo del web.

In queste ore in cui tutto traballa tutto va bene per colpire l’opaca responsabile del dicastero di Viale Trastevere. E al selfie si aggiunge anche l’ultima chicca, una frase incauta della nostra Azzolina che fa rabbrividire: gli studenti non sono imbuti da riempire. Ma gli imbuti servono per travasare e essendo bucati non si riempiono mai. Paragone infelice. Fusaro può non stare simpatico ma certo non gli si può imputare di non avere un lessico ricco, persino immaginifico. Magari alla Azzolina farebbe bene riprendere certe frequentazioni. Avrebbe solo da imparare, almeno nell’uso delle similitudini.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica