Faraone ridicolo: «Denuncio il governo se non usa il Mes». Il web lo massacra: «Zitto, siete paraculi»

sabato 9 maggio 12:51 - di Alberto Consoli
Mes

IL Mes è il meccanismo che inguaierà l’Italia. Che potrà riavere indietro parte dei suoi soldi versati, per poi restituirli con gli interessi. “Una trappola per topi raffinata”, ma pur sempre una trappola, come ha stigmatizzato Giorgia Meloni all’indomani degli accordi presi dal governo in Europa. Accordi che turbano non poco gli equilibri già precari della maggioranza di governo. Ci sono le riserve del M5S e, di contro, chi fa una questione di vita  di morte del governo, se non si accetterà il Mes. E’ la posizione di Italia Viva a mettere legna sul fuoco.

Ecco che cosa scrive Davide Faraone (ex Pd passato a Italia viva)  su Twitter: “Denuncerò il governo per danno erariale se non dovesse utilizzare i fondi Mes. Rinunciare per stolta ideologia populista e sovranista a risorse a tasso 0 e senza condizioni per migliorare il nostro sistema sanitario è da irresponsabili. Almeno finitela con la retorica sui medici“.

Le risposte in rete non tardano ad arrivare al “cinguettio” di Faraone:  “Facciamo che noi denunciamo Voi per alto tradimento…”, scrive un utente twitter postando il documento- bozza del Mes. “Sapete che il MES è creditore privilegiato; e che, qualora utilizzate le sue linee di credito, si rischia di compromettere l’accesso al mercato per i nostri titoli? Chi acquisterà BTP ben sapendo che sarà creditore junior?”.

Il web si sganascia e ricopre Faraone di insulti: “Ma scusate , fino a ieri non lo voleva nessuno e Conte l’aveva firmato una decina di volte . Conte ha sempre detto che non lo vuole , ma ora tutti lo vogliono . Se lo firma saranno tutti contro … che paraculi tutti quanti … dovete schiantá”. “Non è vero che il mes non ha condizionalità, visto c he non sono cambiati gli accordi metti una fideiussione personale sul fatto che non ci sono condizioni?” Lo irride un altro.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica