Der Spiegel accusa la Cina: Xi Jinping chiese all’Oms di ritardare l’allarme sull’epidemia

domenica 10 maggio 12:56 - di Redazione

Il leader cinese Xi Jinping avrebbe chiesto al direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) Tedros Adhanom Ghebreyesus di ritardare l’allarme sull’epidemia di coronavirus a Wuhan.

Lo riporta la testata tedesca ‘Der Spiegel’. Durante una conversazione del 21 gennaio, Xi avrebbe chiesto al Dg Oms di non annunciare che il virus può essere trasmesso da uomo a uomo e di ritardare qualsiasi dichiarazione di allarme internazionale. In pratica il giornale tedesco riprende accuse già lanciate all’Oms dal presidente Usa Donald Trump.

La replica dell’Oms

“Der Spiegel – risponde l’Oms in una nota – riferisce di una conversazione telefonica del 21 gennaio 2020 tra il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus e il presidente cinese Xi Jingping. La notizia è infondata e falsa”.

Il dottor Tedros e il presidente Xi non hanno parlato il 21 gennaio e non hanno mai avuto una conversazione al telefono. Notizie così imprecise – rileva l’Agenzia delle Nazioni Unite per la sanità – distraggono e sminuiscono gli sforzi dell’Oms e del mondo per porre fine alla pandemia di Covid-19. Da notare – conclude la nota – che la Cina ha confermato la trasmissione da uomo a uomo del coronavirus il 20 gennaio”.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

 

 

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica