Caos nel M5s, No Vax in pressing: “Con il coronavirus il vaccino è dannoso”

sabato 2 maggio 13:04 - di Redazione

In piena emergenza da coronavirus, con duecento e passa morti al giorno in Italia e migliaia nel mondo, con la comunità scientifica internazionale impegnata nel tentativo di trovare un vaccino, il partito dei No Vax torna a farsi sentire.  Quando meno te l’aspetti. E tra loro, ovviamente, il M5S la fa da padrone.

Il primo a parlare, pubblicamente, è il consigliere regionale del Lazio, Davide Barillari, espulso dieci giorni fa dal Movimento. “Vaccino covid19? No grazie. Troppi dubbi su costi, sicurezza ed efficacia”. “Il plasma iperimmune prelevato dai soggetti guariti, ricco di anticorpi, è la soluzione immediata e a bassissimo costo, già utilizzata da molti ospedali”, aggiunge.

Certo, è fresco di espulsione, Barillari, ma rappresenta pur sempre i suoi elettori grillini. Del resto, solo qualche giorno fa era andato in scena il duello tutto interno al M5S sull’obbligatorietà dei vaccini. A conferma che le lacerazioni, sul tema, sono sempre vive.

La vocazione NO Vax mai rinnegata dai grillini

Del resto, la stessa grillina, ex ministra della Salute, Giulia Grillo, aveva ammesso, a febbraio, che il partito dei No Vax, nel M5S, è sempre fortissimo. “Anche nel governo…“.

Già nelle scorse settimane si era parlato della parlamentare ex M5s Sara Cunial, la stessa fermata dalla polizia mentre si dirigeva ad Ostia per una giornata in spiaggia in piena quarantena. Su Facebook la parlamentare affermava di voler approfondire il “legame tra il virus e i vaccini”. Un legame che, secondo lei, sarebbe evidente proprio nelle province di Brescia e Bergamo dove “queste vaccinazioni sono state ampiamente somministrate”.

Il coronavirus e la comunità scientifica

Qualcuno, nella comunità scientifica, aveva in effetti ricordato come da tempo si lottava contro l’ostracismo dei grillini sui vaccini. “E’ passato solo un anno, ma sembra un secolo (una pandemia) fa. Si combatteva per far comprendere l’importanza dei vaccini. Oggi non c’è bisogno di spiegarlo”. Questa la riflessione dell’epidemiologo Pierluigi Lopalco, responsabile della struttura di progetto per il coordinamento delle emergenze epidemiologiche della Regione Puglia, che su Facebook  nei giorni scorsi aveva postato le immagini di un’iniziativa di sensibilizzazione per i giovani in tema di vaccinazioni, organizzata il 4 aprile 2019 al Teatro Apollo di Lecce.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • federico 3 maggio 2020

    Quando un giornalista inglese scriveva che agli italiani piace stare a casa a far niente, mantenuti dallo stato, aveva perfettamente ragione,con riferimento a grillini, leu e dintorni

  • daniele 2 maggio 2020

    C’è poco da commentare. I grillini sono i degni eredi del medioevo.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica